Ucraina MSF e un Ong locale criticano il recente accordo sulla cura dell Aids

  • Accesso ai farmaci
  • Yemen

L'organizzazione internazionale Medici Senza Frontiere (MSF) insieme a All Ukrainian Network of People Living with HIV/Aids (Rete ucraina delle persone affette da HIV/AIDS) criticano il recente accordo tra quattro multinazionali farmaceutiche e il governo ucraino per la riduzione dei prezzi dei farmaci per la cura dei pazienti affetti da HIV/AIDS. MSF e la Ong ucraina chiedono al governo di migliorare l'accesso ai farmaci per la cura dell'HIV/AIDS registrando subito i farmaci generici e immettendoli subito sul mercato ucraino.

Le quattro case farmaceutiche (GlaxoSmithKline, BristolMeyersSquibb, Boehringer Ingelheim e Merck) hanno concesso uno sconto tra il 70 e l'87 per cento sul prezzo dei farmaci specifici per la cura dell'HIV/AIDS (antiretrovirali) che di solito varia tra 5.000 e 9.000 dollari per paziente all'anno.

Tuttavia, i generici (copie del prodotto originale brevettato) sono accessibili a prezzi sei volte inferiori rispetto ai livelli di sconto accordati dalle società farmaceutiche multinazionali.
Con il recente accordo, una combinazione di farmaci zidovudina, lamivudina e nevirapina costerebbe 1.700 dollari, mentre un produttore di generici ha proposto una combinazione simile a 300 dollari per paziente all'anno.

"Rispetto all'accordo, i prezzi dei generici garantirebbero l'accesso alla terapia a un numero di pazienti sei volte superiore", dichiara il dott. Joost Van der Meer, coordinatore di MSF in Ucraina. "Anche se negli ultimi anni, l'Ucraina ha fatto dei grandi passi avanti nella cura dell'HIV/AIDS, questo accordo ci ha deluso e temiamo che alla fine la terapia non sia disponibile per un numero sufficiente di pazienti." In Ucraina, lo stipendio medio mensile è di circa 60 dollari.

UNAIDS e l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) hanno riconosciuto l'importante ruolo dei produttori di generici. Tuttavia in Ucraina le Nazioni Unite si sono ritirate dal sostegno alla concorrenza dei generici e i rappresentanti delle compagnie produttrici di generici non sono stati invitati a partecipare alle negoziazioni. Questo recente accordo è stato raggiunto nell'ambito della Accelerated Access Initiative (AAI) delle Nazioni Unite (Iniziativa per un accesso accelerato), concepita per migliorare l'accesso alla cura. MSF e la Ong ucraina chiedono alle Nazioni Unite in Ucraina di avere un vero ruolo da leader per garantire l'accesso ai farmaci essenziali per la cura dell'HIV piuttosto che fare da mediatore in un accordo inadeguato. "L'esperienza in altri paesi ha indicato che una reale concorrenza tra le compagnie di generici e gli altri produttori ha permesso di abbassare i prezzi dei farmaci per la cura dell'HIV/AIDS molto di più degli accordi a porte chiuse tra i governi e le singole compagnie farmaceutiche", dichiara Van der Meer.

A livello mondiale, l'Ucraina ha uno dei tassi più rapidi di incremento delle infezioni da HIV.
Dal 1995, secondo le stime delle Nazioni Unite, 300.000 persone (l'uno per cento della popolazione adulta) sono diventate sieropositive, il tasso più alto in Europa e nella ex Unione sovietica. Nella zona meridionale dell'Ucraina, MSF gestisce un programma per la prevenzione della trasmissione materno-fetale dell'HIV e sta ampliando il lavoro all'assistenza e la cura delle persone affette da HIV/AIDS, compresa la cura dei bambini con i farmaci antiretrovirali. MSF lavora in associazione con il Ministero ucraino della Salute e le ONG che si occupano delle persone affette da HIV/AIDS.

Lascia un Commento

Condividi con un amico