Vittoria memorabile dei diritti dei pazienti

  • Accesso ai farmaci
  • Kenya

Oggi, la Coalizione Keniana per l'accesso ai farmaci essenziali ha salutato l'approvazione del disegno di legge IP Kenya 2001 sulla proprietà industriale come una vittoria dei diritti dei pazienti nei confronti della protezione dei brevetti. Prendendo una decisione fondamentale per i paesi in via di sviluppo, ieri il Parlamento ha completato la lettura finale del progetto di legge sulla proprietà industriale che permetterà al Kenya di importare e produrre dei farmaci più accessibili per la cura dell'HIV/AIDS e di altre malattie.

"I diritti dei pazienti hanno vinto nei confronti della protezione dei brevetti, prima nei tribunali del Sudafrica e ora nel Parlamento del Kenya. Si è creato in tal modo un precedente per i paesi in via di sviluppo," ha dichiarato Indra van Gisbergen, avvocato e militante della campagna per l'accesso ai farmaci di Medici Senza Frontiere in Kenya. "La battaglia per l'accesso ai farmaci è stata vinta in Parlamento, ma ora il governo deve avere il coraggio di mettere in pratica queste leggi e di autorizzare le licenze obbligatorie per l'importazione e la produzione di farmaci generici accessibili," ha concluso van Gisbergen a nome della Coalizione Keniana per l'accesso ai farmaci essenziali.

Dopo più di un anno di consultazioni con esperti e parti interessate e nonostante le pressioni esercitate dall'industria farmaceutica per indebolire il disegno di legge, il Parlamento del Kenya ha approvato un progetto di legge sulla proprietà industriale, conforme agli accordi TRIPS dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), che include la maggior parte delle misure di salvaguardia raccomandate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Alcune di queste misure sono l'importazione parallela (il diritto di cercare ovunque nel mondo i farmaci brevettati meno costosi), le licenze obbligatorie (l'autorizzazione di licenze per la produzione o l'importazione dei farmaci generici meno costosi – il nuovo progetto di legge menziona in particolare i prezzi elevati dei farmaci come un motivo per autorizzare le licenze obbligatorie) e la disposizione di Bolar che permette ai produttori di generici di condurre i test appropriati, il processo di registrazione, ecc. per essere pronti a produrre il loro farmaco alla scadenza del brevetto.

Il termine ultimo per gli emendamenti che rendono le leggi conformi agli accordi TRIPS dell'OMC nei paesi in via di sviluppo era l'anno 2000, mentre nei paesi meno sviluppati è il 2006. Il Kenya e il Sudafrica hanno creato un precedente perché i paesi in via di sviluppo si oppongano all'industria e abbiano il coraggio di includere nelle loro leggi le misure di salvaguardia raccomandate. Per garantire dei prezzi competitivi e per far avere i farmaci accessibili alle persone che più ne hanno bisogno, i paesi in via di sviluppo, tra cui il Kenya e il Sudafrica, devono autorizzare con urgenza delle licenze obbligatorie per la produzione e l'importazione di farmaci generici per l'HIV/AIDS e le altre malattie infettive.

In Kenya, si calcola che circa 2,3 milioni di adulti siano sieropositivi e che 700 persone muoiano ogni giorno a causa delle infezioni associate all'HIV. Quella che è diventata una malattia cronica in Europa e in America, dove i pazienti sono curati e la mortalità è ridotta dell'80%, rimane una piaga mortale in Africa. Se si continua ancora a morire di AIDS, la ragione è in parte dovuta ai prezzi troppo alti degli antiretrovirali e degli altri farmaci essenziali: si ritiene che in Kenya solo una persona su 2000 sia sottoposta al trattamento.

* La Coalizione Kenyana per l'Accesso ai Farmaci Essenziail comprende: Action Aid, Association of People living with AIDS in Kenya (TAPWAK); Health Action International (HAI Africa); Network for people living with HIV/AIDS (NEPHAK); Women Fighting AIDS in Kenya (WOFAK); Society for Woman and AIDS in Kenya (SWAK); Nyumbani; International Federation of Women Lawyers Kenya (FIDA); CARE International; Médecins Sans Frontières (MSF); DACASA; Pharmaciens Sans Frontières (PSF); Kenya Medical Association (KMA); Consumer Information Network; Campaigners for AIDS Free Society.

Lascia un Commento

Condividi con un amico