Dignità. Nove scrittori per Medici Senza Frontiere

Nove importanti scrittori internazionali sono partiti per visitare alcuni nostri progetti nel mondo. Hanno ascoltato le storie di uomini, donne e bambini che assistiamo e curiamo in Bangladesh, Bolivia, Grecia, India, Burundi, Malawi, Repubblica Democratica del Congo e Sudafrica.

Una volta rientrati hanno scritto dei racconti ispirati alla realtà di quello che hanno visto, ai volti delle persone che hanno incontrato. Volti che difficilmente potranno dimenticare. I racconti, tratti da storie vere o di finzione riscoprono, pur nella diversità e varietà di stili e contenuti, la dignità ai protagonisti.

Alicia Giménez Bartlett ha visitato i centri di detenzione nella regione di Evros (Grecia) dove fornivamo assistenza psicosociale per migranti e richiedenti asilo.

James A. Levine ha visitato il nostro centro di prevenzione e cura per l’HIV/AIDS gestito a Kinshasa la capitale della Repubblica Democratica del Congo.

Tishani Doshi ha visitato l’ospedale distrettuale di Mon, nello stato nordorientale del Nagaland (India) dove fornivamo gratuitamente assistenza medica di base alla popolazione esclusa dall’accesso alle cure.

Esmahan Aykol ha visitato il nostro progetto nel distretto di Thyolo, nella parte meridionale del Malawi, dove insieme con le autorità sanitarie locali, ci occupavamo di mantenere l’accesso universale ai farmaci antiretrovirali per la popolazione locale.

Paolo Giordano ha visitato il nostro progetto di prevenzione e cura della malnutrizione nella baraccopoli di Kamranghirchar a Dacca, la capitale del Bangladesh.

Eliane Brum è stata in Bolivia dove ha visitato i nostri progetti per la revenzione e cura del morbo di Chagas nella regione rurale di Cochabamba.

Wilfried N’Sondé il centro di Urumuri nella città di Gitega (Burundi) per la cura delle fistole ostetriche, e una clinica per le cure ostetriche e ginecologiche d’urgenza a Kabezi nella provincia rurale di Bujumbura, la capitale del Paese.

Mario Vargas Llosa ha visitato i nostri progetti in Kivu, in Repubblica Democratica del Congo, dove forniamo assistenza sanitaria di base e medicine alle popolazioni vittime del conflitto.

Catherine Dunne ha visitato un centro per la cura della coinfezione HIV/AIDS e tubercolosi nella baraccopoli di Khayelitsa a Città del Capo (Sudafrica).

Lascia un Commento

Condividi con un amico