Subashini Deb Mahto

Subashini Deb Mahto

Educatore sanitario MSF

India: combattere la malnutrizione con le comunità locali

  • Malnutrizione
  • India
Subashini Deb Mahto

Subashini Deb Mahto

Educatore sanitario MSF

India: combattere la malnutrizione con le comunità locali

  • Malnutrizione
  • India

 

Nel Jharkhand, uno stato indiano conosciuto per le sue diverse comunità tribali, il numero di persone malnutriteè costantemente superiore alla media nazionale. Dal giugno 2017, abbiamo avviato un progetto per la malnutrizione acuta severa nella città di Chakradharpur, usando un innovativo modello di coinvolgimento della comunità. Subashini Deb Mahto, una donna proveniente da una di queste comunità locali, lavora per MSF come educatore sanitario comunitario.

“La mia giornata comincia prima del sorgere del sole. Una volta terminate le faccende domestiche, quando ho finito di cucinare e i miei bambini stanno andando a scuola, scaldo su un fornello una pentola di lal cha(tè nero) e mi preparo per il lavoro. Ogni mattina alle 8.30 arrivo con la mia bici all’ufficio di MSF, a tre chilometri di distanza.

Lavoro per MSF da quando è partito il progetto per contrastare la malnutrizione nel 2017. Ho iniziato come operatore sanitario comunitario, visitando le comunità con il Sahiya didi (un operatore sanitario del villaggio impiegato dallo stato di Jharkhand) per identificare i bambini malnutriti che necessitavano di cure urgenti e convincere i loro genitori a portarli in un centro sanitario di MSF. Oggi lavoro come educatore sanitario comunitario fornisco consulenza alle madri che visitano i nostri centri sanitari e organizzo attività di sensibilizzazione nei villaggi vicini.

La malnutrizione è un problema che mi sta a cuore. Quando parlo con le madri nei villaggi, capisco come si sentono. Ero una madre adolescente con la stessa storia. Ho avuto una figlia poco dopo essermi sposata. Avevo 17 anni e non sapevo come prendermi cura del mio bambino appena nato. Mia figlia pesava solo 2 kg quando è nata. Nella nostra comunità, ci sono credenze culturali e idee sbagliate sulla gravidanza che limitano la quantità di cibo che le donne incinte, le neo-madri e i loro figli possono assumere. Queste credenze possono portare sia le donne che i bambini a diventare malnutriti.

Le persone credono che una dieta ricca per le donne in gravidanza renderà il loro futuro bambino molto grasso e porterà ad un parto difficile. Dopo la gravidanza, le donne possono mangiare solo una volta al giorno, anche se a volte mio marito mi dava di nascosto del cibo. In alcuni casi, i bambini non ricevono latte o carne fino a quando non camminano da soli. Mia figlia aveva una dieta molto limitata: solo zuppa di lenticchie e riso, niente uova o carne per i primi anni.

Le donne devono anche destreggiarsi tra il lavoro nei campi e le faccende domestiche, riducendo così di molto il tempo per stare con i propri figli. Ero l’unica a gestire le faccende domestiche, nessuno mi aiutava nella cura di mio figlio. Quando è nato il mio secondo figlio, avevo imparato a prendermi più cura di me stessa e dei miei figli. Ho trovato lavoro in una ONG per la salute riproduttiva femminile e successivamente sono entrata a far parte di MSF.

Chakradharpur, come la maggior parte del Jharkhand, è un’ area Adivasi (“abitanti originari”), con molte comunità indigene e molta diversità. Ad esempio, in uno dei villaggi in cui lavoro si parlano ben quattro lingue diverse. Il nostro ruolo come operatori sanitari è quello di costruire legami tra MSF e le comunità. Tutte le persone che compongono l’équipe per l’educazione alla salute e la sensibilizzazione della comunità sono locali. Quando siamo stati formati dai medici di MSF per capire la malnutrizione, abbiamo condiviso la nostra conoscenza della cultura antica, della storia e delle pratiche degli Adivasi con il resto della squadra.

Molte persone nel villaggio non capiscono che la malnutrizione è una condizione che richiede cure mediche. Conosciuta localmente come puni o dehna, è spesso attribuita alla possessione da parte di spiriti o presagi cattivi. Di conseguenza, i guaritori tradizionali sono il primo punto di contatto per la maggior parte delle famiglie, prescrivono erbe naturali o eseguono cerimonie per allontanare gli spiriti. È importante mostrare ai membri della comunità l’importanza di identificare i casi di malnutrizione e di cercare cure mediche appropriate.

Non manca il cibo nelle foreste dove vivono queste comunità.Dobbiamo insegnare alle giovani madri e alle loro famiglie l’importanza delle corrette tecniche di allattamento al seno, di un’alimentazione varia e nutriente e del mantenimento di un’igiene corretta.

All’ inizio era estremamente difficile spiegare alle madri e alle loro famiglie le cause della malnutrizione e la necessità di cure. Alcune comunità tribali vivono nel profondo della foresta dove non ci sono trasporti pubblici. Le madri camminano con i loro bambini su terreni collinari per più di 2-4 km prima di raggiungere i centri sanitari più vicini. Spesso sono i fratelli maggiori a portare i bambini malati al centro sanitario di MSF dopo la scuola. Il mese scorso, la nostra clinica è rimasta vuota per alcuni giorni perché con la stagione del raccolto tutti i genitori erano al lavoro nei campi.

Dopo mesi di duro lavoro, abbiamo conquistato la fiducia delle comunità. A volte il nostro centro sanitario è così affollato che non c’è nemmeno un momento per riposarsi. In questi momenti mi spingo a dare il massimo, perché sento che stiamo facendo un lavoro importante. Guardare un bambino piccolo deperire è la cosa più dolorosa per una madre.

Durante una delle mie visite, una madre mi ha afferrato la mano e mi ha detto che aveva mandato un altro figlio al nostro centro di salute di Pusalota! Il progetto ha trattato più di 600 bambini di queste comunità e anche se c’è ancora molto da fare, riesco a sentire la gioia delle famiglie quando i loro figli tornano alla salute e alla felicità.

Lascia un Commento

Condividi con un amico