Previous
Seguente

Paesi

Argomento

27 Giugno 2017

MSF esprime profonda preoccupazione per la condizione dei circa cento migranti, tra cui minori non accompagnati,  che  da diverse settimane dormivano lungo il fiume Roya, a Ventimiglia, e che - in seguito ad una ordinanza del Comune - si sono dispersi lungo le montagne al confine tra Italia e Francia. 

26 Giugno 2017

Noi di Medici Senza Frontiere abbiamo incontrato vittime di tortura nelle nostre sale d'attesa per oltre quarantacinque anni, e continuiamo a farlo, in genere in zone di guerra, ma non sempre. In molti casi abbiamo curato soltanto le ferite fisiche, senza nemmeno sapere cosa i pazienti avessero subito. Da tre anni, però, MSF gestisce centri di riabilitazione specifici per le vittime di tortura sulle principali vie migratorie.

26 Giugno 2017

Si informano tutti i candidati che, fermi restando i termini previsti dai Bandi pubblicati sul sito del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile per la presentazione delle candidature, i colloqui di selezione dei progetti di Servizio Civile Nazionale di Medici Senza Frontiere si svolgeranno secondo il calendario e presso gli indirizzi di se

23 Giugno 2017

Quasi quattro anni dopo aver ritirato le proprie équipe dal paese, MSF ha riavviato le attività mediche in Somalia. MSF offre ancora una volta assistenza all'ospedale regionale Mudug, a Galkayo North, nella regione del Puntland, in collaborazione con il Ministero della Salute.

23 Giugno 2017

MSF ha espresso soddisfazione per l’aggiunta del morso di serpente alla lista delle Malattie Tropicali Neglette dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Nonostante si stimi che il morso di serpente uccida oltre 100.000 persone all’anno, più di ogni altra malattia nella lista, le risorse per prevenirlo e curarlo sono quasi inesistenti e l’accesso alle terapie salvavita anti veleno resta molto limitato. 

22 Giugno 2017

MSF: “servono più risorse e coordinamento fra attori”. Nel Niger sud-orientale, l’epidemia di epatite E scoppiata due mesi fa colpisce in particolare le donne incinte. Delle 186 donne ricoverate nel principale centro di salute materno-infantile nella città di Diffa, 34 sono morte in seguito a gravi complicazioni causate dalla malattia. Fra gli 876 casi di epatite E registrati l’11 giugno, la maggior parte delle persone colpite sono rifugiati e profughi. Secondo le autorità il loro numero ammonta a 247.900.

21 Giugno 2017
Il 19 giugno è stato firmato un nuovo accordo di pace fra il governo della Repubblica Centrafricana e diversi gruppi politico-militari attivi nel paese, ma MSF si trova davanti a una realtà molto diversa sul campo: ieri mattina sono ricominciati gli scontri a Bria, città nella zona est del paese. 
 
20 Giugno 2017
In Uganda, MSF assiste le vittime di violenza sessuale e di genere nei campi profughi di Bidibidi e Imvepi, dove un numero crescente di rifugiati Sud Sudanesi necessità di questo tipo di supporto. Marie-Anne Henry lavora come ostetrica nei due insediamenti da aprile di quest’anno. 
 
Perché è stato necessario intervenire in questo ambito?
 
20 Giugno 2017
L’Uganda è il paese africano che ospita il maggior numero di rifugiati, ma l’assistenza umanitaria resta largamente insufficiente. MSF chiede alla comunità internazionale di mobilitarsi affinché i rifugiati in Uganda, che sono oltre il triplo delle persone arrivate in Europa attraverso il Mediterraneo nel corso del 2016, ricevano cibo, acqua e altri beni di prima necessità per evitare l’insorgenza di un’emergenza sanitaria.
 
20 Giugno 2017

Nella Giornata Mondiale del Rifugiato, diffondiamo un video che racconta cosa succede davvero nel Mediterraneo Centrale.

Pagine