Nel 2017, in Italia abbiamo portato avanti attività di salute mentale, assistenza specialistica per le vittime di violenza e sostegno alle iniziative della società civile per migranti e rifugiati.

Nel 2017, l’Europa, Italia inclusa, ha intensificato l’impegno per fermare l’arrivo di migranti e rifugiati, lasciando molte persone esposte a violenze e detenzioni arbitrarie in Libia. Nonostante questi sforzi cinici, 119.396 migranti e rifugiati sono arrivati sulle coste italiane, principalmente sbarcando nei porti siciliani. Sebbene questo numero sia inferiore rispetto agli anni precedenti, il sistema di accoglienza italiano lotta ancora per rispondere alle loro esigenze specifiche. La maggior parte delle persone è ospitata in strutture temporanee di accoglienza, ma più di 10.000 vivono in insediamenti informali, perché cercano di raggiungere altre destinazioni europee o perché sono escluse dal sistema ufficiale d’accoglienza.

Abbiamo monitorato i bisogni umanitari di chi vive in insediamenti informali in tutto il Paese e abbiamo impiegato volontari all’interno di edifici occupati a Bari e Torino, cercando di ridurre l’emarginazione dei residenti e facilitando l’accesso all’assistenza sanitaria e ad altri servizi.

Sicilia e porti meridionali

Per il terzo anno consecutivo, siamo stati presenti nei punti di arrivo, fornendo un primo soccorso psicologico ai sopravvissuti di naufragi e salvataggi traumatici. Nel 2017 sono state condotte 21 missioni di questo tipo, principalmente in Sicilia, Calabria e Campania. A Trapani, una nostra équipe composta da psicologi e mediatori culturali ha offerto supporto psicologico tramite 1.232 sedute individuali e 116 di gruppo e ha assistito i servizi locali in diversi centri di accoglienza secondari. Da luglio 2016, gestiamo una clinica psicoterapeutica in collaborazione con i servizi sanitari locali per il trattamento di pazienti con gravi problemi di salute mentale. Nell’estate del 2017, abbiamo inoltre istituito a Catania un centro medico aperto 24 ore su 24 per i richiedenti asilo bisognosi di assistenza dopo la dimissione dall’ospedale. Il centro implementa un approccio olistico per supportare i pazienti durante il processo di riabilitazione. Abbiamo inoltre fornito assistenza di salute mentale e migliori condizioni idriche e igieniche negli insediamenti informali in cui vivono i lavoratori stagionali nel sud della Sicilia.

Roma

A Roma, gestiamo un centro di riabilitazione per i sopravvissuti a tortura, in collaborazione con Medici contro la Tortura e ASGI. Il centro adotta un approccio multidisciplinare, fornendo supporto medico e psicologico, nonché fisioterapia, assistenza sociale e legale. Nel 2017, l’équipe ha ammesso 56 nuovi pazienti. Il centro fornisce assistenza a pazienti provenienti da quasi 20 Paesi diversi, la maggior parte vittime di violenze e maltrattamenti durante la permanenza in Libia.

Frontiere settentrionali

Abbiamo assistito persone bloccate ai confini settentrionali italiani attraverso cure psicologiche e mediche di base, cibo e altre donazioni. A Ventimiglia, al confine con la Francia, una nostra équipe composta da mediatori culturali e un’ostetrica gestiva una piccola clinica insieme a medici volontari locali. Inoltre, un’altra équipe ha offerto primo soccorso psicologico nel campo della Croce Rossa italiana. A Como, al confine con la Svizzera, abbiamo fornito assistenza psicologica ai migranti in transito e sostenuto iniziative della società civile con cibo e altre donazioni per i migranti in transito nella città e a Ventimiglia e Gorizia, al confine con la Slovenia.

  • 1999 anno del primo intervento di MSF nel Paese
  • 2.5 mila consultazioni di salute mentale effettuate
  • 200 consultazioni di salute mentale di gruppo

Le nostre principali attività in Italia

  • Migrazione

    La fuga di milioni di persone da guerre e povertà è una delle crisi umanitarie più gravi del momento: sono più di 65 milioni i rifugiati e gli sfollati nel mondo.

    Scopri di più
  • Salute mentale

    Con l’espressione salute mentale si fa riferimento a uno stato di benessere emotivo e psicologico nel quale l’individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all’interno della società, rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno.

    Scopri di più

Condividi con un amico