Sebbene le cifre siano state significativamente inferiori rispetto agli anni precedenti, nel 2018 sono arrivate comunque più di 20.000 persone sulle coste italiane, molte delle quali traumatizzate dall’attraversamento del mare e dalla precedente detenzione in Libia.

In seguito a provvedimenti sempre più ostili da parte delle autorità italiane per bloccare le operazioni di ricerca e soccorso, abbiamo continuato a fornire assistenza psicologica e medica a migranti e rifugiati in Italia, compresa l’assistenza specialistica per le vittime di tortura.

Sicilia

Le nostre équipe hanno offerto servizi di primo soccorso psicologico a rifugiati e migranti nei porti del sud Italia a seguito di sbarchi tragici, e hanno gestito un centro per cure post-acute a Catania per richiedenti asilo e rifugiati che necessitavano di assistenza dopo la dimissione dagli ospedali in Sicilia. La clinica è stata chiusa alla fine dell’anno a causa del calo di nuovi arrivati. Gli psicologi di MSF hanno inoltre assistito richiedenti asilo nei centri di accoglienza della provincia di Trapani, terminando le attività alla fine dell’anno come previsto dal progetto.

Roma

Abbiamo anche gestito delle équipe mobili per lavorare negli insediamenti informali intorno a Roma, dove i migranti spesso vivono in condizioni estremamente precarie. Accanto a una rete di organizzazioni della società civile e volontari, nel 2018 le nostre équipe hanno effettuato circa 1.500 tra visite mediche e interventi psicologici, oltre a offrire assistenza psicosociale ai minori non accompagnati nei centri di accoglienza di Roma.

Per il terzo anno consecutivo, abbiamo gestito un centro a Roma per la riabilitazione delle vittime di tortura, maltrattamenti e altre forme di trattamento degradante. I pazienti hanno potuto accedere al supporto psicologico, medico, legale e sociale del centro, gestito in collaborazione con Medici Contro la Tortura e ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione).

Torino e Palermo

A Torino e a Palermo, abbiamo fornito sostegno e orientamento a più di 800 persone con l’obiettivo di orientarle verso i servizi territoriali del Sistema Sanitario Nazionale, con l’aiuto dei volontari dei gruppi locali e di mediatori culturali, e distribuito articoli di primo soccorso, come coperte e tende, a migranti e rifugiati che vivono in insediamenti informali, in particolare a Roma e ai confini settentrionali del Paese.

  • 1999 anno del primo intervento di MSF nel Paese
  • 2.8 sessioni di supporto psicologico individuale
  • 1.5 mila visite ambulatoriali

Le nostre principali attività in Italia

  • Migrazione

    La fuga di milioni di persone da guerre e povertà è una delle crisi umanitarie più gravi del momento: sono più di 65 milioni i rifugiati e gli sfollati nel mondo.

    Scopri di più
  • Salute mentale

    Con l’espressione salute mentale si fa riferimento a uno stato di benessere emotivo e psicologico nel quale l’individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all’interno della società, rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno.

    Scopri di più

Condividi con un amico