Mediatori culturali

Mediatori culturali

Il Mediatore Interculturale lavora nei nostri progetti di assistenza a migranti e rifugiati. Agisce come un ponte tra individui o gruppi con differenti background culturali.

La funzione del Mediatore Interculturale è di facilitare la comunicazione linguistica e la comprensione culturale tra i beneficiari e gli operatori impegnati in progetti nei paesi di transito e di accoglienza.

Il suo lavoro mira a rimuovere barriere linguistiche e a promuovere la reciproca comprensione culturale con l’obiettivo di aumentare la qualità delle cure offerte.

Requisiti indispensabili

  • Uso fluente di almeno una lingua tra Arabo, Amarico, Tigrino, Somalo, Curdo , Dari, Farsi,  Urdu, Pashtu, Pidgin English e conoscenza approfondita delle relative culture
  • Uso fluente dell’inglese
  • Diploma di scuola media-superiore o equivalente (in Italia ovvero nel Paese di origine)
  • Diploma in Mediazione Interculturale
  • Esperienza nell’ambito della mediazione culturale e della migrazione

Requisiti preferenziali

  • Formazione universitaria e post universitaria in scienze sociali, relazioni internazionali o equiparabili

 

N.B.: poiché questa figura è richiesta solo per una tipologia specifica di progetti, le partenze non sono numerose.

Prima di candidarti è importante che tu prenda visione dei seguenti punti

Per compilare il modulo di candidatura sono necessari i seguenti documenti da allegare alla candidatura stessa:

  • CV in inglese o francese
  • Lettera di motivazione in inglese o in francese
  • Ho la residenza italiana

  • Ho preso conoscenza delle pagine “Lavora con noi” (inclusa la policy salariale) e ho i requisiti per la posizione per cui mi candido

  • Ho preso conoscenza della carta dei principi a cui aderisco

  • Ho preso conoscenza del Termination of Pregnancy policy di MSF

  • Sono disponibile a partire da solo, senza famiglia al seguito, per la durata della missione

  • Sono cosciente del fatto che lavorare con MSF significa vivere e lavorare in aree instabili

  • Ho un’esperienza lavorativa rilevante di almeno 2 anni nel settore per cui mi candido

  • Ho una disponibilità a partire in missione per almeno 6/9 mesi (ad eccezione dei chirurghi, anestesisti e ginecologi, per cui è richiesta una disponibilità minima di 2 mesi)

  • Posso fisicamente sopportare la vita in un ambiente stressante e condizioni di vita difficili

  • Ho una buona padronanza (scritta e orale) di almeno una tra le lingue inglese e francese

Dati anagrafici

Condividi con un amico