Poesia di un paziente siriano dedicata a MSF

  • Migrazione
  • Giordania

http://www.youtube.com/watch?v=mejlwxHtx3

Un nostro paziente siriano legge una poesia scritta e dedicata agli operatori MSF che lo hanno curato presso il nostro Reparto post-operatorio a Zaatari in Giordania.

“Sono venuto da voi con ferite profonde, respiro pesante e lacrime tristi. Ho smesso di piangere quando vi siete avvicinati a me come angeli della misericordia, indossando camici, guanti in lattice e versando sudore dalla fronte, mentre mi curavate le ferite. Per amore, riconoscenza e gratitudine, vi scrivo. Il mio cuore è gonfio di emozione, mentre cerco le parole per ringraziare una famiglia venuta da lontano, come il profumo di un mazzo di rose. Medici che assistete ogni paziente con tenero calore da sciogliere il ghiaccio. Avete ridato senso alla mia vita. Ho di nuovo il cuore colmo di felicità. I miei occhi danzano di gioia quando vedono la bandiera di Medici Senza Frontiere … Che la pace vi accompagni”.

Lascia un Commento

Condividi con un amico