Bambini di strada a Mosca: un alternativa.

A Mosca ci sono più di 10.000 bambini di strada e molti di essi – che spesso vivono in estrema povertà – sono fuggiti da condizioni di vita terribili, sfollamenti o abbandoni. Ma finire sulle strade della capitale russa non è molto meglio, infatti il rischio di violenze e di abuso di droghe è alto. La loro salute è spesso incerta: ferite, effetti collaterali dell’uso di droghe, malattie a trasmissione sessuale (MTS) e gravidanze indesiderate. In prevalenza sono maschi ma il numero delle ragazze sta aumentando.

Il 15 aprile MSF ha aperto un nuovo centro diurno che prevede attività professionali e pedagogiche per i bambini di strada di Mosca. Il centro, il cui principale obiettivo è quello di sviluppare le potenzialità dei ragazzi, offrirà anche un’istruzione sanitaria di base e assistenza psico-sociale. La struttura può ospitare 20 persone ed è situata vicino a tre stazioni ferroviarie nella parte nord di Mosca – un’area in cui si radunano molti dei ragazzi di strada. Inoltre, vi sono attrezzature per consentire ai ragazzi di farsi la doccia e il bucato.

Questo nuovo progetto di MSF segue un programma decennale a favore dei senzatetto che è stato trasferito alle autorità moscovite nel 2003.

“Questi ragazzi hanno bisogno di un posto a cui rivolgersi”, ha spiegato la coordinatrice del progetto di MSF, Gabriella Muretto. “Arrivano da tutte le parti della ex Unione Sovietica e finiscono sulle strade di Mosca, dove affrontano situazioni difficili e sono soggetti a maltrattamenti. Se riusciamo a creare un rapporto con loro e a migliorare il loro benessere fisico e mentale, questi ragazzi avranno una possibilità in più sia di far fronte alla loro vita attuale sia di elaborare una alternativa alla vita di strada”.

Il programma ha lo scopo di stabilire un rapporto di fiducia con i ragazzi tramite la rete di assistenti sociali di MSF, e quello di condividere con loro i problemi quotidiani e offrire relazioni sociali migliori in alternativa a quelle sperimentate all’interno delle bande di strada. Inoltre, un rapporto stretto con gli assistenti sociali di MSF protegge maggiormente i ragazzi perché hanno più facilmente accesso all’assistenza immediata quando affrontano, per esempio, malattie o violenze.

Parallelamente al lavoro che prosegue sulle strade, il nuovo centro diurno offre ai ragazzi un posto in cui andare, prevede attività professionali e pedagogiche insieme a un’istruzione sanitaria di base e l’assistenza psico-sociale. Se il ragazzo lo richiede, MSF può anche agevolare l’integrazione familiare, istituzionale, scolastica o sociale.

Il team di MSF composto da 12 tra medici, psicologi, pedagoghi e assistenti sociali collaborerà con il programma moscovita “Deti Ulitsi” e lavorerà in coordinamento con le altre organizzazioni che operano con i ragazzi di strada.

MSF lavora da 11 anni per i senzatetto di Mosca e San Pietroburgo e ha conseguito una conoscenza approfondita del sistema locale in termini di sanità, assistenza sociale, leggi e processi decisionali. Quando il progetto di MSF per i senzatetto è stato trasferito alla città di Mosca nel 2003, MSF ha deciso di concentrare il proprio impegno su un altro gruppo con problemi particolari, i ragazzi di strada.

Lascia un Commento

Condividi con un amico