Un ospedale nel cuore della crisi del Nord Ovest del Camerun

  • Conflitto
  • Camerun
Un ospedale nel cuore della crisi del Nord Ovest del Camerun
  • Conflitto
  • Camerun

Secondo le ultime statistiche delle Nazioni Unite, quasi 680.000 persone sono sfollate a causa delle violenze nelle regioni del nord-ovest e sud-ovest del Camerun e altre 59.000 sono fuggite nella vicina Nigeria.

Più di due milioni di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria a causa delle conseguenze fisiche e psicologiche della crisi.

La violenza continua e le limitazioni ai movimenti significano che la maggior parte dei centri sanitari sono stati abbandonati dal personale o non sono più in grado di funzionare normalmente. Gli aiuti umanitari sono limitati a causa dell’insicurezza e le persone si sono presto trovate incapaci di trovare assistenza sanitaria. Le comunità sfollate, in particolare, ora hanno poco o nessun accesso all’assistenza sanitaria e devono sopportare condizioni allarmanti”. Shahbaz Khan Coordinatore di progetto MSF

La violenza in Camerun continua

Da oltre tre anni, infatti, la violenza tra gruppi armati statali e non statali è una realtà quotidiana nel Camerun nordoccidentale e sudoccidentale, con ripercussioni drammatiche per centinaia di migliaia di persone.

Nel 2018, il peggioramento della situazione ci ha spinto a lanciare una risposta medica di emergenza nel Camerun nordoccidentale. Ora supportiamo diverse strutture mediche e una rete di operatori sanitari di comunità che forniscono cure mediche primarie e servizi di riferimento a gruppi sfollati e vulnerabili.

L’ospedale Saint Mary Soledad è una delle strutture che supportiamo a Bamenda. In questo ospedale da 76 posti letto, i nostri team offrono cure mediche gratuite a donne incinte e bambini piccoli e supporto medico, chirurgico e psicologico a persone che hanno subito traumi intenzionali e non intenzionali, comprese le vittime di incidenti stradali, violenza sessuale, violenza armata, ustioni e incidenti domestici ed è attivo anche un servizio di ambulanza 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per il trasporto di pazienti che necessitano di cure urgenti.

Nel 2019, abbiamo curato più di 2.000 persone al pronto soccorso ed eseguito 1.500 procedure chirurgiche qui. I nostri autisti di ambulanze lavorano giorno e notte e hanno trasportato più di 7.300 pazienti”. Jifon Edwin Fonyuy Medico MSF

Le storie dei pazienti

Loveline, che ha l’anemia falciforme, una malattia del sangue che aumenta il rischio di morte durante il parto, racconta di aver chiamato l’ambulanza MSF durante le contrazioni.

Ho chiamato l’ambulanza di MSF perché so che sono gli unici che possono muoversi durante i blocchi. Fortunatamente, sono arrivati rapidamente e appena un’ora dopo averli chiamati, è nata mia figlia. Senza l’ambulanza, avremmo potuto morire entrambe”

Ornella
Ornella

Ornella, una studentessa universitaria di 27 anni, è rimasta ferita in un incidente. Il nostro team ha cercato di salvarle la gamba per più di tre mesi, ma alla fine è stata amputata.

Normalmente non uso mai i mototaxi, ma avevo bisogno di lampadine per poter studiare e avevo paura di camminare quella sera perché c’erano stati molti attacchi nel mio quartiere. Durante il tragitto, un’auto si è schiantata contro il mio taxi a tutta velocità. L’autista dell’auto mi ha portato alla clinica più vicina, ma non era aperta. Siamo andati all’ospedale regionale, ma non avevano un chirurgo ortopedico. Alla fine è stata chiamata l’ambulanza di MSF per portarmi qui, dove il team ha fatto tutto il possibile”.

Felix
Felix

Felix e la sua famiglia sono stati aggrediti nel villaggio dove stavano dormendo, essendo già stati costretti a lasciare la loro casa a causa dei combattimenti. La sua famiglia è riuscita a scappare, mentre lui è stato catturato.

I suoi aggressori lo hanno tenuto a terra e gli hanno tagliato la mano sinistra con un coltello prima di lasciarlo lì privo di sensi.

Sono rimasto a terra sanguinante per due ore prima che mia sorella osasse tornare per me. Ci siamo nascosti nella foresta per due settimane. Sono stato curato con rimedi tradizionali, ma il mio braccio si è infettato. Alla fine, abbiamo deciso di lasciare la boscaglia e andare in un centro sanitario. Là, non potevano fare niente per me, ci hanno solo messo una benda. L’infezione è peggiorata. Ecco perché siamo venuti a Bamenda. Per strada qualcuno ci ha detto che i medici di Saint Mary Soledad potevano aiutarmi”.

In un’area segnata da attacchi regolari al personale umanitario, questo supporto è difficile da fornire, ma la gente sa che trattiamo i nostri pazienti in modo imparziale. Rispondere a bisogni sanitari urgenti è la nostra unica preoccupazione. I virus, i proiettili e le infezioni non si preoccupano di quale lato della crisi ti trovi. Nemmeno noi”. Shahbaz Khan Coordinatore di progetto MSF

Condividi con un amico