Colombia MSF avvia dei progetti in alcune aree inaccessibili .

  • Vaccinazioni
  • Colombia

Norte de Santander è una delle regioni più insicure della Colombia. Rappresenta un’area strategica al confine con il Venezuela e molto adatta alla coltivazione di coca.

Un team di otto operatori di MSF è recentemente rientrato da una visita medico-sanitaria di tre giorni nelle comunità di La Campana e Los Cedros, nel distretto di Norte de Santander – una delle regioni più insicure della Colombia. Il team era attivo nell’area da febbraio 2002 con campagne di vaccinazione previste nel “programma allargato di immunizzazione” per registrare e vaccinare contro la febbre gialla.

Questa visita medica è stata la prima in cui, insieme ad attività di vaccinazione, sensibilizzazione e prevenzione, sono state effettuate anche visite mediche approfondite e sono stati distribuiti medicinali. Il team ha visitato 242 pazienti.

Norte de Santander è una delle regioni meno sicure della Colombia. Rappresenta un’area strategica al confine con il Venezuela e molto adatta alla coltivazione di coca. Gli scontri fra le diverse fazioni della guerriglia e l’esercito regolare sono aumentati negli ultimi tre mesi, quando l’esercito ha lanciato un’operazione denominata “Olocausto” per sradicare le piantagioni di coca.

Gli scontri, insieme alle continue minacce dei diversi gruppi, gli omicidi mirati, i posti di blocco e altre forme di violenza hanno causato la fuga di migliaia di persone e praticamente bloccato ogni forma di accesso all’assistenza sanitaria durante l’ultimo anno e mezzo.

Le strutture sanitarie esistenti si trovano nelle zone controllate dai paramilitari, mentre la popolazione vive nelle aree controllate dalla guerriglia. Siccome i civili vengono spesso sospettati di avere legami con le forze della guerriglia, diventa difficile per loro raggiungere le strutture sanitarie situate a non meno di tre o quattro ore di cammino.

Il team di MSF cercherà, passo dopo passo, di entrare sempre più in profondità in quest’area per cercare di raggiungere quelle fasce di popolazione ancora più isolate dal conflitto. Inoltre verranno implementati progetti di assistenza psicologica e di cura odontoiatrica.

Lascia un Commento

Condividi con un amico