Due lavoratori stagionali muoiono nel foggiano nel tentativo di procurarsi l acqua. Il dolore e la rabbia di MSF.

  • Italia

Foggia, 28 settembre 2005 – Medici Senza Frontiere (MSF) esprime tristezza e rabbia per la morte dei due stranieri annegati sabato scorso nelle campagne di Cerignola (Foggia).

I due, cittadini sub-sahariani, vivevano in un agglomerato di case abbandonate dove ogni anno centinaia di stranieri si concentrano nei mesi estivi per essere impiegati come stagionali nella raccolta del pomodoro. Entrambi sono morti accidentalmente annegando in un invaso, destinato all'irrigazione dei campi, mentre tentavano di raccogliere l'acqua necessaria per lavarsi.

Le case abbandonate in cui vivono queste persone sono infatti prive di servizi minimi ovvero acqua corrente, luce elettrica e servizi igienici agibili.

"Siamo molto addolorati per la morte dei due giovani stranieri, – afferma Francesca Zuccaro, coordinatrice dei progetti MSF in Puglia. – ma anche arrabbiati perché tragedie simili sono la diretta conseguenza delle drammatiche condizioni e dell'esclusione in cui troppo spesso queste persone sono costrette a vivere e lavorare. Ci sembra inaccettabile che nel 2005 un uomo possa morire in Italia per procurarsi dell'acqua".

Nell'aprile 2005 MSF ha pubblicato un rapporto in cui denunciava le drammatiche condizioni di vita e di salute in cui vivono i lavoratori stranieri impiegati come stagionali nelle campagne del Sud Italia. Dalla ricerca emergeva come oltre la metà delle persone visitate e intervistate non disponeva di acqua corrente, il 40% viveva in edifici abbandonati privi di standard minimi di accoglienza. Le patologie riscontrate erano correlabili alle condizioni di vita e di lavoro.

"Ci auguriamo che queste situazioni non vengano più affrontate, come accade ogni anno, con un approccio emergenziale ma con lo spirito di voler garantire dignità e diritti minimi ai cittadini stranieri che vivono e lavorano nel nostro territorio" – conclude Francesca Zuccaro.

Da luglio 2005 MSF lavora nella provincia di Foggia con una clinica mobile per fornire assistenza medica diretta agli stranieri impiegati in agricoltura come stagionali. Da alcune settimane MSF aveva identificato i bisogni per migliorare le condizioni igienico – sanitarie dei lavoratori stagionali e aveva sollecitato da parte del Comune di Cerignola (FG) una risposta adeguata. MSF ha accettato di supportare questo primo intervento.

Lascia un Commento

Condividi con un amico