Honduras: colmare le lacune dei servizi di salute sessuale e riproduttiva

Honduras: colmare le lacune dei servizi di salute sessuale e riproduttiva

Gli alti tassi di gravidanze adolescenziali e di gravidanze indesiderate sono due delle conseguenze della mancanza di servizi specializzati nel Paese.
Dal 2022, lavoriamo con un approccio comunitario per colmare questa lacuna.

Per decenni, le persone in Honduras hanno affrontato molte difficoltà nell’accesso ai servizi di salute sessuale e riproduttiva. Non solo l’offerta di diversi metodi contraccettivi è limitata nel Paese, ma c’è anche la carenza di educazione alla salute sessuale e riproduttiva per gli adolescenti. Ciò contribuisce all’alto tasso di gravidanze tra le persone di età inferiore ai 18 anni. Nel marzo 2022, il tasso di gravidanze tra le adolescenti in Honduras era del 23%. Le madri adolescenti corrono un rischio maggiore di incorrere in diverse complicazioni dovute alla gravidanza, che è la principale causa di morte per le ragazze tra i 15 e i 19 anni a livello globale. Le adolescenti in Honduras devono anche affrontare alti tassi di infezioni sessualmente trasmissibili (IST), oltre ad altri problemi di salute fisica e mentale legati alla salute sessuale e riproduttiva.

Vent’anni fa, il Ministero della Salute dell’Honduras (noto con l’acronimo spagnolo SESAL) ha iniziato a lavorare a una politica nazionale sulla salute sessuale e riproduttiva. Esistono, però, ancora ampie lacune, tra cui la mancanza di assistenza pre e post-natale, lo scarso accesso alla contraccezione e gli alti tassi di violenza sessuale contro le donne.

Data l’entità di questi bisogni, è urgente che le autorità del Paese e le altre organizzazioni aumentino i loro sforzi ed espandano l’offerta di servizi sulle questioni di salute sessuale e riproduttiva in Honduras. È inoltre importante che i centri sanitari abbiano accesso a farmaci e formazione di qualità per il personale sanitario, nonché l’approvazione urgente di un Protocollo per l’assistenza completa alle vittime e ai sopravvissuti alla violenza sessuale.”Robert López psicologo ed educatore di comunità per MSF a Choloma

Questo è un bisogno molto latente, come il numero di adolescenti incinte che vediamo nelle comunità a Choloma, un comune del nord dell’Honduras.

Andiamo in luoghi dove non ci sono medici o infermieri e non c’è educazione alla salute sessuale e riproduttiva. In alcune comunità, non c’è una persona che conosca il primo soccorso o che sappia a cosa serve un determinato farmaco, che possa fornire una guida sulle questioni di pianificazione familiare o un consulto prenatale o ginecologico.” Robert Lópezpsicologo ed educatore di comunità per MSF a Choloma

L’assistenza psicologica e l’educazione comunitaria

Alla luce di questi bisogni urgenti, quest’anno abbiamo avviato programmi di assistenza medica e psicologica e di educazione comunitaria sui temi della salute sessuale e riproduttiva a Choloma e nella vicina San Pedro Sula. I team multidisciplinari, composti da medici, infermieri, psicologi ed educatori comunitari, visitano diverse comunità vulnerabili per offrire consulenze pre e post-natali, assistenza mentale, contraccezione, educazione comunitaria e promozione della salute. I nostri team si rivolgono a comunità con alti tassi di violenza, in particolare sessuale, e dove c’è un alto tasso di donne e adolescenti incinte.

In particolare, per educare gli adolescenti sui temi della salute sessuale e riproduttiva, forniamo colloqui psicoeducativi o terapie di gruppo per rispondere alle loro domande.

il team MSF porta consapevolezza nelle comunità a Choloma sui temi di salute sessuale e riproduttiva

Le vulnerabilità che le donne e le ragazze devono affrontare

“Quando avevo 12 anni, mio nonno materno ha abusato di me due volte”, ha raccontato María* durante una visita a un centro sanitario di La Bueso, un villaggio non lontano da Choloma. “Ho deciso di andarmene di casa a 14 anni. A 17 anni avevo già due figli. Attualmente ne ho 33 e ho già sette figli”. María si è imbattuta nella nostra clinica mobile presso il centro sanitario mentre cercava di ottenere i documenti di registrazione per la figlia di cinque mesi. L’anno scorso, María è rimasta incinta dopo essere stata violentata. “Non sono andata dal medico dopo lo stupro.  Sono rimasta sorpresa nello scoprire di essere incinta. Ho dovuto partorire a casa, con l’aiuto di una vicina che è infermiera, perché dove vivo non c’è accesso a un centro sanitario e non ho i soldi per pagare il trasporto, tanto meno per andare in una clinica privata”.

L’esperienza di María trova eco nelle storie di molte altre donne che hanno subito abusi sessuali o stupri fin dalla più tenera età. Negli ultimi 10 anni, i nostri team in Honduras hanno curato 3.500 persone che hanno subito violenza sessuale e di genere. Spesso le persone non sanno quanto sia importante rivolgersi a un medico dopo uno stupro.

*Il nome è stato modificato.

un medico e un'infermiera di MSF effettuano un controllo post-parto su una paziente nella clinica mobile MSF a La Bueso

Mentre María aspettava i documenti per la registrazione, uno degli educatori del nostro team comunitario l’ha avvicinata per parlarle dei servizi offerti. Consapevole delle sue condizioni economiche e di quanto possa essere impegnativo mantenere una famiglia, María ha deciso di iniziare la contraccezione. “In passato ho dovuto affrontare molte cose”, ha detto María. “Facevo sesso per soldi. Ora ho molti figli. Il solo fatto di poter applicare gratuitamente un metodo di pianificazione familiare mi dà tranquillità”.

Negli ultimi 10 mesi, il nostro team a Choloma ha fornito contraccezione a 690 persone in 15 comunità diverse.

Gli effetti sulla salute mentale

Durante la conversazione con l’educatore, María ha anche riconosciuto il carico emotivo che si porta dietro dall’infanzia e come questo stia influenzando il suo lavoro e il suo rapporto con i figli. “Ho davvero bisogno di aiuto psicologico”, ha detto. “Non ho i soldi per pagare uno psicologo. Con il mio attuale lavoro guadagno 1.400 lempiras [circa 58 dollari USA] e la maggior parte di questi soldi va per il cibo dei bambini. Sono consapevole di aver bisogno di questo sostegno perché mi sono trascinata dietro molte cose del passato”.

Il team di promozione della salute di MSF fornisce educazione alla salute sessuale e riproduttiva

Un’educazione inadeguata sulla salute sessuale e riproduttiva può portare a un deterioramento della salute mentale di donne, adolescenti e ragazze. I bisogni identificati dai team delle nostre cliniche mobili includono un supporto psicologico urgente. Dall’inizio del programma, 10 mesi fa, abbiamo effettuato più di 739 consulti di salute mentale. I sintomi principali includono depressione, ansia, dolore, reazione acuta allo stress, psicosi cronica, epilessia, disturbo bipolare, stress post-traumatico e problemi comportamentali nei bambini.

Le persone con cui i nostri team hanno interagito vogliono saperne di più sulla salute sessuale e riproduttiva. Oltre a parlare dell’importanza della prevenzione, della pianificazione e dell’autocura, i nostri team comunitari danno anche priorità alla de-stigmatizzazione dell’assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva e alla riduzione dei pregiudizi nei confronti delle persone che la cercano.

Condividi con un amico