Kashmir il programma di salute mentale di MSF

  • Salute mentale
  • India

Per anni l’India ha accusato il Pakistan di sostenere le attività dei terroristi nella regione indiana del Kashmir. Il Pakistan, dal canto suo, contesta all’India le gravi e diffuse violazioni dei diritti umani perpetrate ai danni della maggioranza musulmana in Kashmir, che è vittima di una dura repressione. La battaglia oggi in corso tra l’esercito indiano e i ribelli sostenuti dal Pakistan ha già causato migliaia di morti e mira ad attribuire il definitivo controllo del Kashmir, il cui territorio è oggi diviso tra Pakistan – che ne controlla un terzo – e India. Le relazioni tra questi due paesi sono state difficili fin dall’indipendenza che entrambi hanno ottenuto dall’impero britannico nel 1947.

La presenza di MSF in Kashmir
Dal 2000, MSF è impegnata nella regione di Srinagar con un programma di salute mentale, gestito da un team di 2 psicologi, 1 coordinatore di progetto, un’infermiera, un responsabile dei servizi igienici e sanitari e un logista.

Le comunità locali subiscono da anni violenze e soprusi, a causa del confronto diretto tra i militanti e le forze del governo indiano, oltre ad essere vittime di attacchi perpetrati contro i civili sospettati di sostenere l’una o l’altra parte del conflitto: in un simile contesto, i traumi psicologici sono danni comuni tra la popolazione di tutte le età.

La popolazione soffre di stress traumatico, di depressione e di problemi psico-sociali (abuso di sostanze tossiche, violenza domestica). Le persone hanno gravi difficoltà nel parlare delle esperienze più intime per paura di essere accusati di essere delle spie. In generale preferiscono non attirare troppa attenzione. Inoltre, la disperazione di fronte al futuro e la povertà sono le conseguenze indirette di questa violenza. MSF ha formato il personale locale per sostenere e consigliare le persone traumatizzate. Il team MSF sostiene inoltre l’ospedale psichiatrico di Srinigar, dove il numero di pazienti è aumentato drasticamente dall’inizio degli scontri alla fine degli anni ’80.

Lascia un Commento

Condividi con un amico