La parola allo staff

  • HIV/AIDS

Alla clinica per la cura dell’HIV/AIDS, gestita da MSF e dal Centro Cinese per il Controllo delle Malattie, a Xiangfan, Hubei, Cina, il dottor Arthur Pang, originario di Hong Kong, lavora con un gruppo di donne cinesi, giovani e entusiaste. L’energia e lo spirito d’iniziativa di queste donne è di valido supporto al lavoro dei medici e alle attività quotidiane di tutta la clinica.

Gao Fei – Interprete

Gao Fei fa l’interprete all’interno della clinica. Si è specializzata come interprete all’università e ha cominciato a lavorare per MSF subito dopo la laurea, nello scorso giugno.

Anche se i malati di AIDS possono avere una aspettativa di vita più breve, sono persone del tutto normali” dice Gao.

Non stupisce che si sia impaurita, la prima volta che ha avuto un contatto con un malato terminale di HIV/AIDS. Ma con il tempo ha scoperto che i malati cercavano solo attenzioni e comprensione. Per loro è un conforto avere qualcuno che gli tiene una mano. Ora si sente più rilassata. La madre di Gao appoggia completamente la sua scelta lavorativa e addirittura le mette da parte i ritagli dei giornali che trattano l’argomento HIV/AIDS.

Liu Lu – Assistente del medico

Come Gao Fei, anche Liu Lu si è laureata lo scorso anno e ha iniziato a lavorare con MSF come seconda interprete e assistente del medico. Come la maggior parte della popolazione, all’inizio non ne sapeva molto di HIV/AIDS. Sapeva solo che la malattia si trasmette attraverso il sangue. Nonostante questo è rimasta sorpresa quando ha scoperto che negli ospedali locali a volte lo staff medico non sa niente riguardo all’HIV/AIDS.

Una volta Liu ha accompagnato un medico e un malato di HIV/AIDS in un ospedale locale per un’endoscopia allo stomaco. Dopodiché lo staff medico ha accusato il paziente di aver infettato le attrezzature ospedaliere. ” L’ospedale è l’unico posto dove i malati possono andare a farsi curare ” dice Liu. ” Se lo staff medico è così restio a fare gli esami ai pazienti, dove si devono rivolgere i malati? “.

Yu Rong – Assistente farmacista

Yu Rong, 27 anni, è assistente farmacista, responsabile della gestione della farmacia e dell’aderenza alle terapie da parte dei pazienti. Prima di MSF, ha lavorato per cinque anni come infermiera in una clinica statale, dove aveva il compito di informare le persone sulle malattie a trasmissione sessuale. Secondo Yu, la gente oggi non è molto informata sull’HIV/AIDS. Per esempio nelle biblioteche pubbliche non si trovano informazioni riguardo all’HIV/AIDS. Quando faceva la scuola infermieri, questa malattia mortale non era inclusa nel programma di studio. Ciò spiega la paura delle persone e perché queste ritengono che la malattia non li riguardi affatto.

Per cambiare questa mentalità, così radicata, ci vuole tempo e c’è ancora molto cammino da fare. Tuttavia Yu ritiene che si potrebbe, col tempo, sradicare l’emarginazione se la gente fosse più informata sull’HIV/AIDS. “E’ normale avere paura quando non si capisce qualcosa” dice.

Le delicate attenzioni e la gentilezza di queste donne tocca il cuore dei malati di HIV/AIDS che vivono in un’atmosfera resa pesante dall’ignoranza e dalla discriminazione.

– La lezione
I farmaci anti-retrovirali e la battaglia per l’aderenza alla terapia
Informazione, cultura e comunicazione in Cina
Intervista alla dottoressa Polin Chan: curare l’AIDS in Cina
Il signor Wang: La forza di un paziente

Lascia un Commento

Condividi con un amico