MSF 5×1000 – L indipendenza economica alla base dell azione MSF

MSF

Più di 8 milioni di visite mediche, 78.500 interventi chirurgici, 185.400 parti in un anno. Interventi in 24 ore dopo catastrofi naturali come il terremoto di Haiti o il tifone nelle Filippine. Cure mediche di qualità durante le epidemie o in zone di conflitto come la Siria, l’Afghanistan, la Repubblica Centrafricana e il Sud Sudan… Se Medici Senza Frontiere (MSF) può rispondere a ogni tipo di emergenza in modo tempestivo ed efficace, lo deve alle proprie competenze mediche e logistiche, ma anche a un sistema di finanziamenti basato sull’indipendenza economica, di cui i privati cittadini sono i principali “alleati”, soprattutto in Italia: il 100% dei fondi raccolti da MSF in Italia deriva da donazioni private (92% da privati cittadini e 8% da aziende e fondazioni), di cui il 20% circa è garantito dai fondi del 5×1000. Il 100% dei fondi 5×1000 viene investito nei progetti sul campo.

Nelle settimane clou delle scadenze fiscali, MSF rilancia la propria campagna per il 5×1000 e con l’iniziativa online “Il 5×1000 è nelle tue mani” invita i sostenitori e la community online a scriversi sulla mano il codice fiscale dell’organizzazione e a postarne la foto su facebook, condividendola con i propri amici. Lo hanno fatto anche gli operatori umanitari che proprio in queste ore stanno lavorando in progetti finanziati grazie al 5×1000, come Rosana, anestesista, che lavora a Karachi in Pakistan, dove MSF gestisce una clinica con un pronto soccorso e una sala parto (foto); Annalisa, infermiera al centro Urumuri, nel cuore del Burundi, dove MSF aiuta tante donne a guarire dalla "fistola ostetrica" (nel video: “A te non costa nulla, per noi vale molto”); e il team di Masisi, in Repubblica Democratica del Congo, dove MSF fornisce cure mediche alla popolazione sfollata e alle vittime di violenza sessuale a causa del conflitto (foto). Ma anche decine di italiani stanno condividendo online la foto della propria mano “targata MSF” al link http://bit.ly/Mano5x1000MSF, dove è possibile vederle tutte.

Nel 2013 MSF ha raccolto con il 5×1000 le preferenze di 263.783 contribuenti per un totale di 8.758.403,32 euro che sono serviti a finanziare 14 interventi in alcuni dei contesti più critici al mondo, da quelli più a lungo termine come gli ospedali di alta specializzazione chirurgica a Haiti (€900.000) o le cure fornite in zone di conflitti pluriennali come l’Afghanistan (€500.000) o la Repubblica Democratica del Congo (€858.403), alle emergenze in Repubblica Centrafricana (€500.000) o nel campo rifugiati in Mauritania (€1,150 milioni),  fino all’azione contro HIV/AIDS in Malawi (€700.000), Guinea (€600.00) e Zimbabwe (€600.00).

Il 5×1000 si traduce sempre in un aiuto concreto, e questo è vero per tutte le fasce di reddito: con il 5×1000 di un reddito lordo di 15.000 euro (pari a 17 euro), si aiuta MSF a effettuare 10 test rapidi per l’identificazione dell’epatite C; se il reddito è di 28.000 (5×1000 di 35 euro), si possono acquistare 130 bustine di cibo terapeutico pronto all’uso per curare bambini severamente malnutriti. Con un reddito di 55.000 euro (5×1000 di 86 euro) si acquistano kit di emergenza per medicare 33 pazienti, mentre se il reddito è di 75.000 euro (5×1000 di 127 euro) si possono vaccinare 488 bambini contro il morbillo (schema esemplificativo basato sull’imposta del contribuente, al lordo di eventuali deduzioni, detrazioni, ritenute o crediti d’imposta).

“Se Medici Senza Frontiere può portare avanti centinaia di progetti in 66 paesi del mondo è grazie alla propria indipendenza da ogni agenda, anche economica – ha detto Gabriele Eminente, direttore generale di Medici Senza Frontiere – Le donazioni dei privati sono la linfa vitale di Medici Senza Frontiere Italia: grazie al contributo dei nostri sostenitori, possiamo intervenire in modo rapido, efficace e indipendente in tutti i contesti di maggiore urgenza, rispondendo ai bisogni di milioni di persone vulnerabili.” 

Per devolvere il 5×1000 a Medici Senza Frontiere basta firmare nel riquadro riservato alle Onlus nella dichiarazione dei redditi (730, CUD o Modello Unico) e inserire il codice fiscale : 970 961 20 585 

Info su 5×1000.medicisenzafrontiere.it 

Lascia un Commento

Condividi con un amico