Repubblica Centrafricana: MSF cura i feriti in due ospedali della capitale Bangui a seguito degli scontri

  • Repubblica Centrafricana

 

Da questa mattina sono in corso violenti scontri, spari ed esplosioni in diverse aree di Bangui, la capitale della Repubblica Centrafricana. “Gruppi armati hanno lanciato un'offensiva sulla città. Le ex-forze Seleka stanno compiendo delle rappresaglie. Ci sono morti nelle strade”, racconta Thomas Curbillon, capo missione di MSF a Bangui.

Il personale di MSF si è recato presso l’Hôpital Communautaire e l’ Hôpital de l’Amitié per dare supporto alle équipe mediche e aiutarle ad affrontare l’afflusso di feriti.

Un’équipe di 16 persone di MSF sta lavorando nel pronto soccorso, nella sala operatoria e nei reparti dell’Hôpital Communautaire. “Hanno finora assistito 90 feriti al pronto soccorso. Circa 70 sono feriti gravi – sette sono stati operati”, prosegue Curbillon. “La maggior parte hanno ferite causate da colpi di pistola o armi come machete e coltelli. Cinquanta cadaveri sono stati portati direttamente alla camera mortuaria dell'ospedale”.

Un’altra équipe di tre persone lavora presso l’ Hôpital de l’Amitié, effettuando il triage dei feriti e indirizzando quelli con le ferite più gravi all’Hôpital Communautaire.

“A metà giornata, i combattimenti con artiglieria pesante sembravano essere cessati, ma potevamo ancora sentire degli spari ogni tanto. Per il momento, gli ospedali sono operativi e ci sono elettricità e acqua corrente”, spiega Curbillon . “Vedremo come evolverà la situazione e adatteremo le nostre attività di conseguenza”. MSF è anche pronta a donare materiali chirurgici, medicinali, carburante o acqua, se necessario, ad altri centri sanitari e ospedali della città.

MSF lavora in Repubblica Centrafricana dal 1997, e ora gestisce sette progetti regolari a Batangafo, Boguila, Carnot, Kabo, Ndele, Paoua e Zémio e tre progetti di emergenza a Bossangoa, Bouca et Bria. Un’équipe mobile di emergenza fornisce assistenza a Bouar, Mbaiki e le zone Yaloké, e presto anche a Bangassou e Ouango. In totale, MSF fornisce assistenza medica gratuita a circa 400.000 persone, impiegando 100 persone dello staff internazionale e 1.100 persone dello staff locale in sette ospedali, 2 centri sanitari e 40 postazioni sanitarie periferiche in tutto il Paese.

Lascia un Commento

Condividi con un amico