Repubblica Democratica del Congo: MSF risponde a grave epidemia di malaria

  • Malaria
  • Repubblica Democratica del Congo
Un’epidemia di malaria particolarmente grave ha colpito la Repubblica Democratica del Congo nord-orientale. Lo scorso 9 maggio, 141 bambini sono stati ricoverati durante la notte presso l’ospedale generale di Pawa, nella provincia di Haut-Uele. Ognuno dei 22 letti del reparto pediatrico ospitava due o tre bambini e altri hanno trovato posto su materassi poggiati a terra tra i letti o nei corridoi.
 
“Siamo così stanchi di vedere i bambini morire!” ha esclamato il capo delle comunità di Gatua durante un incontro con l’infermiere di MSF. “Da marzo seppelliamo senza sosta corpi di bambini. La struttura sanitaria non ha più medicine contro la malaria e le madri stanno portando i propri figli a morire a casa. L’unica cosa che possiamo fare è rinfrescarli con l’acqua per cercare di abbassare la febbre”. 
 
All’inizio di maggio MSF ha avviato un intervento di emergenza nei distretti sanitari di Pawa e Boma Mangbetu in risposta all’appello lanciato dalle autorità sanitarie, sopraffatte dall’emergenza. Il primo passo che l’organizzazione ha compiuto è stato quello di distribuire circa 10.000 trattamenti a base di artemisinina per la malaria e un numero ancora maggiore di test diagnostici rapidi a 32 centri sanitari per garantire che la malattia venga trattata in modo immediato, efficace e gratuito su base locale.
 
“Abbiamo affrontato una situazione simile una sola volta: nel 2012, durante un intervento nell’area di Ganga-Dingila, Pawa, Poko e Boma-Mangbetu abbiamo curato oltre 60.000 bambini affetti da malaria”, spiega Florent Uzzeni, vice coordinatore di MSF per l’emergenza. “Oggi il nostro obiettivo principale è quello di curare i bambini affetti da malaria semplice il più rapidamente possibile, in modo che non sviluppino complicazioni”.
 
Se la malattia è trattata in tempo con il farmaco giusto, il rischio di complicazioni può essere notevolmente ridotto. Tuttavia, l'attuale indisponibilità di farmaci e il loro costo eccessivo hanno fatto sì che i casi di malaria grave si siano moltiplicati, portando molti bambini a morire a casa senza alcun accesso alle cure.
 
Per questo MSF fornirà anche supporto agli ospedali principali a Pawa e Boma Mangbetu nel trattare i casi complicati, che spesso richiedono cure intensive, trasfusioni di sangue e ossigeno-terapia. Staff medico di MSF rafforzerà l’équipe medica del Ministero della Salute. L'organizzazione fornirà inoltre attrezzature, farmaci e formazione necessari per migliorare la qualità delle cure.
 
“Porteremo le cure nelle aree con il maggior numero di casi di malaria, ma sappiamo che ci sono altri distretti sanitari nelle province di Haut-Uele, Bas-Uele e Ituri che sono stati colpiti”, continua Florent Uzzeni di MSF. “Esistono trattamenti efficaci: se tutti gli attori coinvolti nella lotta alla malaria nel Paese si muoveranno in fretta, saremo in grado di evitare la morte di tanti bambini per l’epidemia.” 
 

Lascia un Commento

Condividi con un amico