Sud Sudan: MSF apre un centro di trattamento per il colera a Juba

  • Colera
  • Sud Sudan

Sud

MSF, in collaborazione con le autorità sanitarie locali, ha aperto un centro di trattamento per il colera a Juba, in risposta a un focolaio della malattia. La struttura di 800 metri quadrati si trova nel quartiere di Munuki, Blocco A, ed è progettata per essere ampliata fino a una capacità di 150 posti letto, se necessario. Nella capitale del Sud Sudan, a partire dal 7 luglio sono stati segnalati 710 casi e 33 decessi.

“In questa struttura, che fornisce alla comunità un servizio medico che era urgentemente necessario, i residenti con sospetto colera possono ricevere cure mediche gratuite di alta qualità”, spiega Paul Critchley, capo missione di MSF in Sud Sudan.

Il colera è un batterio che si trasmette attraverso l’acqua e che causa diarrea profusa, vomito e una rapida disidratazione. Si cura reintegrando fluidi ed elettroliti ai pazienti per via endovenosa o con una soluzione da assumere per via orale. Il trattamento per il colera fornito dal centro MSF riduce significativamente il rischio di morte dei pazienti.

“I sintomi di colera sono diarrea e vomito acuti”, afferma il coordinatore medico per l’emergenza di MSF, Stephanie Mayronne. “Le persone della comunità che sperimentano questi sintomi devono recarsi  il prima possibile presso una struttura sanitaria per sospetto colera”.

MSF ha adottato importanti misure per fornire un elevato livello di assistenza medica ai pazienti. I moderni centri per il trattamento non solo forniscono cure mediche di qualità, ma proteggono anche la salute e la sicurezza delle comunità locali in cui sono costruiti. MSF ha impiegato più di 130 operatori locali per la costruzione e il funzionamento del centro.

MSF supporta anche il Ministero della Salute a rispondere a sospetti casi di colera presso il Bor State Hospital, nello stato di Jonglei, dove sono stati segnalati 59 casi di colera e un decesso. A Bor, le équipe di MSF stanno fornendo capacità tecniche, trattamenti curativi e supporto logistico all’unità di trattamento dell'ospedale.

Durante un’altra epidemia di colera in Sud Sudan, lo scorso anno, MSF ha curato più di 3.300 pazienti – oltre il 50 per cento di tutti i casi confermati nel paese. MSF ha una vasta esperienza nella risposta alle epidemie di colera, avendo curato oltre 45.000 pazienti affetti da colera a livello globale nel 2014.

Le nostre attività nel Paese

MSF è uno dei più grandi fornitori di servizi sanitari e di aiuto umanitario in Sud Sudan, con più di 3.100 persone di staff attive in sei dei dieci stati del Paese. In tutto il Sud Sudan, le équipe di MSF risponde a numerosi bisogni sanitari della popolazione fornendo servizi di chirurgia, ostetricia, trattamenti per la malaria, il kala azar, la malnutrizione e vaccinazioni contro le malattie prevenibili.

Lascia un Commento

Condividi con un amico