Sud Sudan: MSF cura più di 2700 persone subito dopo la violenza a Juba
  • Sud Sudan

Nella settimana successiva agli scontri a Juba, i team di MSF hanno curato più di 2700 pazienti in quattro cliniche della capitale del Sud Sudan. MSF sta anche fornendo acqua potabile e compiendo interventi chirurgici per le persone rimaste ferite in modo più grave dalla violenza. 
Lo scorso martedì 12 luglio, MSF ha aperto una clinica nella chiesa di S. Teresa, a Kator, dove migliaia di persone hanno trovato rifugio. 
 
La maggior parte di loro adesso ha lasciato la chiesa e molti stanno tornando a casa a Gudele, dove le due cliniche di MSF sono ancora più impegnate rispetto alla scorsa settimana. Nella sua quarta clinica, presso la chiesa Don Bosco di Gumbo, MSF sta fornendo cure mediche e distribuendo generi di prima necessità come zanzariere da letto, coperte e kit da cucina. "La maggior parte dei nostri pazienti sono donne e bambini” ha detto Maria Guevara, coordinatore medico di MSF
 
"Con l'accesso ridotto al cibo, ai rifugi e all’acqua, queste categorie sono ancora più vulnerabili – in particolar modo le donne in gravidanza e i bambini sotto i cinque anni di età. I nostri team non avrebbero potuto affrontare l'afflusso di pazienti senza il duro lavoro e la dedizione dello staff Sud Sudanese che, nonostante la scarsa sicurezza, è venuto a lavorare per noi per curare la propria comunità".
 
Le principali condizioni per cui è stato richiesto un trattamento di emergenza dei pazienti, nei primi giorni, riguardano ferite da arma da fuoco e lesioni subite durante la fuga dai combattimenti. Le persone continuano ad avere bisogno di cure mediche per malnutrizione, malaria, diarrea, infezioni cutanee e del tratto respiratorio, che hanno sviluppato quando hanno lasciato la propria casa a causa dei combattimenti e da quando dormono all’aperto, in campagna.
Cicilia, madre di cinque figli, ha portato la sua bambina Hasima alla clinica di MSF nella Chiesa di S. Teresa per sottoporla al test della malaria: "Siamo rimasti a casa per otto ore durante la fase acuta del combattimento poi, appena abbiamo potuto, siamo andati via. Da allora dormiamo all’aperto. Come farò a sfamare la mia famiglia? Come faremo a vivere?  È finito tutto".
 
Con la segnalazione di casi sospetti di colera a Juba, il rifornimento di acqua potabile è ancora più importante, soprattutto perché è la stagione delle piogge. MSF sta trasportando l’acqua verso Gudele e S. Teresa e rifornirà anche altre parti della città lì dove è necessario. MSF aiuterà, inoltre, il Ministero della Salute a rispondere al colera attraverso il trattamento dei pazienti e la gestione di un laboratorio per testare i casi sospetti.
 
Questa settimana, MSF ha iniziato a fornire assistenza chirurgica alle persone più gravemente ferite. I primi cinque pazienti sono già stati operati e nei prossimi giorni sono previste più di 20 operazioni.
 
La violenza potrebbe avere anche un impatto psicologico a lungo termine sulle persone e MSF ha già trattato centinaia di pazienti affetti da sindrome da stress post violenza acuta grave.
 
“Alcuni pazienti arrivano alla clinica piangendo” ha detto Christina Dahl, infermiera di MSF “altri, invece, hanno sintomi generali come dolore fisico e mal di testa dovuto al trauma fisico e mentale che hanno subito. Il senso di insicurezza, in particolare su cosa riserverà loro il futuro, aggiunge soltanto stress a persone che ne sono già sottoposte”.
 

Le nostre attività nel Paese

MSF continua a fornire cure mediche gratuite nei suoi progetti in tutto il Sud Sudan. L’organizzazione offre più di 60mila visite mediche in tutto il paese ogni mese e lavora in Sud Sudan da più di 35 anni. 
Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web www.msf.org/en/south-sudan
 
Condividi con un amico