Ucraina a migliaia bloccati dai bombardamenti: appello MSF per la sicurezza di civili e strutture mediche

  • Conflitto
  • Ucraina

Con il costante aumento della violenza in Ucraina orientale, MSF chiede a tutte le parti del conflitto di porre fine ai bombardamenti sugli ospedali e garantire che i civili possano raggiungere posti sicuri. In risposta al picco di violenza delle ultime due settimane, l’organizzazione sta urgentemente aumentando le proprie azioni di supporto agli ospedali su entrambi i lati del fronte. Mentre i medici cercano di gestire l’afflusso dei feriti, i bombardamenti costanti bloccano i civili nelle città di frontiera. 

Le strutture mediche continuano a essere bombardate, il personale medico è costretto a fuggire e migliaia di persone restano prive di cure mediche. Solo nelle due ultime settimane, cinque strutture mediche supportate da MSF sono state danneggiate o distrutte da razzi o bombardamenti.
“I civili e il personale medico su entrambi i lati del fronte stanno subendo duramente questo conflitto” dichiara Stephane Prevost, capo missione di MSF in Ucraina. “Allo stesso tempo, il rapido deteriorarsi delle condizioni di sicurezza limita gravemente la capacità delle organizzazioni di portare aiuto alle persone che ne hanno disperato bisogno.”

Bloccati a migliaia in città

Il 29 gennaio, un’equipe di MSF ha raggiunto Gorlovka, una delle città più duramente colpite lungo il fronte. Migliaia di civili che non erano riusciti a fuggire ora non possono più lasciare la città. C’è una sola strada per entrare o uscire dalla città ed è stretta e pericolosa.

Nel principale centro traumatologico, l’Hospital #2, a cui MSF fornisce materiali medici dal giugno 2014, l’equipe di MSF ha contato più di 100 pazienti feriti nei riparti chirurgici. Secondo il vice direttore dell’ospedale arrivano dai 30 ai 100 casi d’emergenza ogni giorno. 

“Molti medici dell’ospedale sono fuggiti” racconta Hugues Robert, responsabile del programma di emergenza di MSF. “Gli altri lavorano 24 ore al giorno per prendersi cura dei feriti e degli altri pazienti. Stiamo aumentando la nostra azione di supporto per alleviare la pressione sullo staff e garantire che abbiano le medicine e i materiali necessari per continuare a trattare i pazienti.”

Ospedali sotto attacco, medici in fuga

A quaranta chilometri a est di Gorlovka, i combattimenti hanno interrotto tutte le strade di accesso alla città di Debaltseve, lasciando migliaia di persone in trappola. Il responsabile medico del principale ospedale della città ha riferito a MSF che la struttura ha subito danni a causa di diversi bombardamenti dal 23 gennaio e che la maggior parte dello staff è fuggito per salvarsi la vita. Essendo l’unico medico generale rimasto, può fornire ai pazienti solo cure di primo soccorso.

Le equipe di MSF supportano questo ospedale dal settembre 2014 e il 31 gennaio sono riuscite ad inviare altre medicine e materiali medicali per suture e medicazioni. Anche il vicino ospedale di Svitlodarsk, supportato da MSF, il 26 gennaio è stato colpito dalle bombe e tutto il personale medico è fuggito. “Stiamo facendo tutto il possibile per dare ulteriore supporto allo staff medico rimasto a Debaltseve, ma i bombardamenti così intensi impediscono alla nostra equipe di raggiungere la città” continua Prevost di MSF.

Con la chiusura degli ospedali di Debaltseve e Svitlodarsk, i pazienti feriti si riversano nell’ospedale di Artemovsk, a quaranta chilometri di distanza. Oggi è l’unico ospedale funzionante per tutta l’area circostante e sta ricevendo sia i feriti dalla linea del fronte, sia i pazienti evacuati da Debaltseve e Svitlodarsk. Nelle ultime due settimane, MSF ha donato forniture mediche sufficienti a trattare 400 pazienti feriti e medicine per fornire cure mediche generali e per i pazienti con malattie croniche. 

Il 30 gennaio, un’equipe MSF è tornata all’ospedale di Marinka, 35 chilometri a ovest della città di Donetsk. Il 26 gennaio, il giorno dopo che MSF l’aveva rifornito di materiali medicali, l’ospedale è stato bombardato e tutto lo staff è stato trasferito in una cittadina vicina. MSF supporta anche il vicino ospedale di Kurakhovo e distribuirà generi di primo soccorso agli abitanti di Marinka e delle comunità vicine. 

Non solo ferite

Da quando i combattimenti si sono intensificati due settimane fa, le equipe di MSF hanno concentrato i propri sforzi nel dare assistenza allo staff medico che lavora nelle aree più colpite, su entrambi i lati del fronte. Oltre a fornire supporto a Gorlovka, Debaltsevo e Artemovsk, hanno distribuito materiali medicali per trattare pazienti feriti alle strutture mediche di Donetsk, Konstantinovka, Krasny, Luch, Kurakhavo, Luhansk, Mariupol, Popasnaya e Yenakijeve.

Poiché sono oltre sei mesi che alle strutture sanitarie non arrivano forniture regolari, MSF sta supportando i medici per il trattamento di pazienti con malattie croniche come il diabete, disturbi cardiaci, asma e ipertensione, fornendo medicine agli ospedali, alle strutture sanitarie e ai centri per anziani e disabili.

Le equipe di MSF stanno anche supportando diversi reparti di maternità per consentire alle donne di partorire in sicurezza i loro bambini. Alla soglia del decimo mese di conflitto, l’impatto psicologico dei combattimenti prolungati sta diventando sempre più evidente. MSF ha un team di 14 psicologici che organizzano sessioni psicologiche individuali o di gruppo per le persone colpite dal conflitto, inclusi sfollati, pazienti feriti, operatori sanitari, insegnanti, assistenti sociali, bambini e anziani. 

Le nostre attività nelle regioni di  Donetsk, Luhansk e Dnepropetrovsk

Da maggio, le equipe di MSF hanno fornito materiali medicali a circa 100 strutture sanitarie su entrambi i lati del fronte nelle regioni di Donetsk, Luhansk e Dnepropetrovsk, in quantità tali da poter trattare oltre 15.000 pazienti feriti, 1600 donne incinte e 4000 pazienti con malattie croniche. Inoltre, MSF continua il programma di trattamento contro la tubercolosi resistente ai farmaci nel sistema penitenziario di Donetsk, un progetto avviato nel 2011.   

Lascia un Commento

Condividi con un amico