Zintan Libia: la testimonianza di Morten Rostrup medico di MSF

  • Niger

Un’équipe di Medici Senza Frontiere lavora dal 30 aprile nell’ospedale di Zintan, città a sud ovest della capitale Tripoli, nella regione Nafusah Mountain. Per settimane, Zintan e le aree limitrofe sono state il campo di battaglia tra le forze pro-Gheddafi e gli insorti, che combattono per il controllo di questa regione di strategica importanza, provocando, all’inizio di aprile, anche scontri al confine tunisino di Dehiba. Dall’inizio di maggio, più di 40.000 libici hanno abbandonato la regione per rifugiarsi in Tunisia. Morten Rostrup, medico di MSF impegnato nella terapia intensiva a Zintan, racconta la situazione sul terreno.

Qual è al momento la situazione in città?
L’équipe di MSF sta attivamente supportando l’ospedale con personale medico (un coordinatore-infermiere e un medico di terapia intensiva) e con la fornitura di attrezzature mediche e medicinali. L’équipe ha organizzato il training per il personale medico locale e supporta il pronto soccorso dell’ospedale. Dall’inizio di maggio, circa un centinaio di feriti di guerra sono stati ricoverati nell’ospedale, a causa degli scontri tra le forze pro-Gheddafi e gli insorti. Nell’ospedale vengono curati feriti di entrambe le parti in conflitto. Un chirurgo specializzato in traumi da guerra e un infermiere di sala operatoria e terapia intensiva si aggiungeranno all’équipe nei prossimi giorni. Il chirurgo sarà responsabile della risposta all’emergenza, oltre alla supervisione del personale medico, e prenderà parte alle attività cliniche di visita e ricovero dei pazienti, mentre l’infermiere sarà responsabile della sala operatoria e di assistere le attività cliniche nella sala operatoria e nel reparto di terapia intensiva.

Che tipo di ferite curate a causa del conflitto?
Molti pazienti hanno ferite da armi da fuoco e alcuni soffrono per via di esplosioni e ferite da schegge di granata. Abbiamo riscontrato molti traumi addominali, alcuni dei quali gravi con emorragie interne e perforazioni dell’intestino. Abbiamo anche riscontrato alcune ferite al petto a causa di colpi di arma, ferite alla testa e numerose fratture causate dai proiettili.

Le strutture mediche riescono a far fronte a tutto ciò?
Il personale medico locale ha saputo essere all’altezza della situazione, ma c’è carenza di specialisti. Nelle scorse due settimane, abbiamo lavorato con il personale ospedaliero per aumentare la risposta alle attività del pronto soccorso. Attualmente stiamo riorganizzando il reparto di terapia intensiva al fine di far fronte all’afflusso di pazienti. L’arrivo del chirurgo specializzato in traumi da guerra rafforzerà il sistema che abbiamo messo in piedi.

Qual è la situazione nella città e nei dintorni?
Al momento è tranquilla, ma i bombardamenti sono stati continui a Zintan. Nelle scorse settimane, molte famiglie sono fuggite in Tunisia e alcune stanno iniziando a tornare. Una parte della popolazione cerca ancora riparo dentro le grotte nella città per sfuggire ai bombardamenti. C’è carenza di cibo, la maggior parte dei negozi sono chiusi, ma c’è acqua ed elettricità. Non abbiamo ancora potuto valutare la situazione fuori della città, ma siamo preoccupati per la mancanza di accesso ai servizi sanitari nelle città limitrofe. 

 

Proseguono le attività di MSF in Libia

La situazione generale in Libia rimane estremamente tesa e incerta. A Misurata, terza città del paese, la situazione è particolarmente imprevedibile: dopo le dichiarazioni degli insorti, di aver conquistato l’aeroporto della città l’11 maggio, la situazione sembrava essere leggermente migliorata in alcuni quartieri della città ma nel corso del fine settimana, la città è stata oggetto di pesanti bombardamenti che hanno ucciso 10 persone e ferito altre 20. Ad ogni modo, gli ospedali continuano a lavorare a pieno ritmo ma, mentre il personale medico libico sta facendo fronte ai bisogni più urgenti relativi al contesto di violenza, alcuni pazienti affetti da malattie croniche o donne incinte non vengono curati regolarmente.

A Bengasi, la carenza di medicinali sta impedendo ad alcune strutture mediche di portare avanti tutte le attività. Per rispondere alla grande richiesta di assistenza sanitaria, Medici Senza Frontiere (MSF) sta aprendo nuovi progetti e aumentando i propri sforzi in alcuni dei programmi in corso.

A Misurata, le principali attività di MSF continuano ad essere la chirurgia, l’assistenza sanitaria di base, le cure ostetriche e ginecologiche e l’assistenza post-operatoria ai pazienti feriti.

A Bengasi, servono urgentemente forniture mediche per curare i pazienti affetti da malattie croniche e i malati di tubercolosi e HIV/AIDS. Dall’inizio del conflitto, MSF supporta le due farmacie centrali della città che riforniscono gli ospedali locali e supporta il Comitato Medico Libico a sviluppare programmi di assistenza per le vittime di violenza sessuale.

Continuano inoltre le attività di assistenza psicologica in Libia, soprattutto per aiutare il personale sanitario locale a far fronte alla situazione e in Tunisia, nei campi che ospitano gli sfollati dalla Libia. Ad oggi, gli psicologi di MSF hanno visitato 4.000 persone che hanno subito o sono state testimoni delle violenze e che si trovano a dover affrontare un futuro incerto.

 

Lascia un Commento

Condividi con un amico