Nel 2017, abbiamo continuato il lavoro con le vittime di traumi nella capitale burundese, Bujumbura, e risposto a un’epidemia di malaria in corso nella provincia di Gitega.

L’ospedale Kigobe da 75 posti letto, una struttura privata da noi sostenuta, ha fornito assistenza alle vittime di traumi e ustioni a Bujumbura. La violenza è diminuita dai disordini civili del 2015, ma rimane presente a Bujumbura e altrove nel Paese ed è esacerbata dalla povertà. Nel 2017. l’8 per cento dei pazienti dell’ospedale è stato trattato per traumi violenti. Le nostre équipe hanno condotto 18.824 visite ambulatoriali, ricoverato 2.676 pazienti ed eseguito oltre 4.000 interventi chirurgici. Sono state inoltre condotte oltre 1.000 sessioni individuali di salute mentale.

A settembre, abbiamo risposto a un massiccio aumento dei casi di malaria nella provincia di Gitega, che stava mettendo a dura prova i servizi sanitari locali. MSF ha sostenuto 14 strutture locali e l’ospedale distrettuale di Ntita, gestendo i casi di malaria, sia semplice sia con complicazioni, e trattato un totale di 36.847 pazienti. L’équipe ha inoltre contribuito a potenziare la banca del sangue locale e ha svolto attività di promozione della salute per migliorare le misure di controllo delle infezioni.

  • 1992 anno del primo intervento di MSF nel Paese
  • 36.8 mila pazienti trattati contro la malaria
  • 4.1 mila interventi chirurgici realizzati

Le nostre principali attività in Burundi

  • Colera

    Il colera è un’infezione diarroica intestinale causata dal batterio Vibrio cholerae. L’infezione provoca vomito e diarrea e può causare rapidamente una perdita di liquidi corporei tali da portare alla disidratazione e allo shock

    Scopri di più
  • Conflitto

    Nelle zone di guerra non ci schieriamo con nessuna delle parti in conflitto. Offriamo cure mediche solo sulla base dei bisogni che identifichiamo e ci impegniamo a raggiungere le aree dove il nostro aiuto è più urgente.

    Scopri di più
  • Malaria

    La malaria è causata da protozoi parassiti trasmessi all’uomo da zanzare ad attività crepuscolare-notturna del genere Anopheles. I sintomi includono febbre, dolore alle articolazioni, mal di testa, vomito, convulsioni e coma.

    Scopri di più

Condividi con un amico