Nel 2017, i nostri progetti in Cambogia si sono concentrati sulla lotta all’epatite C e la malaria.

A maggio del 2016, abbiamo lanciato un programma che offre diagnosi e trattamenti gratuiti per l’epatite C. Sebbene l’incidenza della malattia sia sconosciuta, si stima che il 2-5% della popolazione cambogiana ne sia affetto. Un tempo considerata una malattia incurabile e mortale, il trattamento per questo virus trasmissibile per via ematica è stato rivoluzionato negli ultimi anni con l’arrivo di nuovi farmaci costosi, chiamati antivirali ad azione diretta (DAA).

Il progetto ha base presso l’ospedale Preah Kossamak di Phnom Penh. Uno dei suoi obiettivi è semplificare la diagnosi e il trattamento, mostrare la sua efficacia in termini di costi e renderlo replicabile in altri Paesi. Nel 2017, abbiamo trattato 2.926 pazienti con farmaci DAA, che hanno un tasso di successo di oltre il 95% sulle persone che completano il trattamento.

Nella provincia di Preah Vihear, nel nord della Cambogia, è stata confermata la resistenza a uno dei potenti farmaci antimalarici, l’artemisinina. Stiamo quindi testando strategie per aiutare a eradicare la malattia, in particolare la forma resistente Plasmodium falciparum, attraverso una combinazione di screening, test e trattamento. Le nostre équipe hanno continuato a sostenere esami e trattamenti nelle comunità e nelle strutture sanitarie, nonché lo screening per le persone a rischio di infezione.

La ricerca condotta nel 2017 ha fornito una panoramica sullo sviluppo della resistenza ai tre principali farmaci usati per il trattamento della malaria da Plasmodium falciparum (o grave). Ora verranno valutati i risultati della ricerca e formulate raccomandazioni per la potenziale replica in altri luoghi.

 

  • 1979 anno del primo intervento di MSF nel Paese
  • 2.9 mila pazienti hanno iniziato il trattamento contro l'epatite C
  • 1.3 mila pazienti trattati contro la malaria

Le nostre principali attività in Cambogia

  • Malaria

    La malaria è causata da protozoi parassiti trasmessi all’uomo da zanzare ad attività crepuscolare-notturna del genere Anopheles. I sintomi includono febbre, dolore alle articolazioni, mal di testa, vomito, convulsioni e coma.

    Scopri di più

Condividi con un amico