Nel 2017, i nostri progetti in Malesia si sono concentrati sull’assistenza sanitaria per le comunità di rifugiati e sopravvissuti alla tratta di esseri umani.

Nel 2017 abbiamo gestito 51 cliniche mobili per le comunità di rifugiati in Malesia. Le équipe hanno condotto 4.862 consultazioni e 893 trasferimenti per servizi secondari, tra cui ostetricia di emergenza completa, assistenza neonatale, trattamento per traumi connessi al lavoro e agli incidenti, e per tubercolosi e malattie non trasmissibili.

Circa il 65% dei pazienti trattati erano rifugiati non registrati, principalmente Rohingya, il cui status legale precario non gli permette di accedere all’assistenza sanitaria in modio continuativo. Nel 2018 abbiamo aperto una clinica fissa che offre assistenza sanitaria di base in un quartiere di Penang dove si sono stabiliti migranti provenienti da molti Paesi.

All’inizio del 2017, abbiamo iniziato a fornire visite mediche e ambulatoriali nei centri di accoglienza governativi per le vittime della tratta di esseri umani. La nostra équipe ha donato kit per l’igiene e svolto sedute di educazione sanitaria. Durante l’anno, 297 vittime provenienti da Tailandia, Cambogia, Vietnam, Indonesia, Cina, Myanmar, Malesia, Nepal, Bangladesh e Filippine hanno usufruito di questi servizi.

A Langkawi, una nota località di sbarco dei migranti, abbiamo sviluppato una solida rete con varie comunità di pescatori e autorità locali, per fornire una prima risposta efficace in caso di arrivo di barche di migranti. Sono state organizzate due sedute di formazione per i pescatori.

Richieste di asilo

Ci occupiamo anche dell’accesso alla protezione. L’Agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite, UNHCR, continua a limitare le richieste di asilo da parte di gruppi etnici provenienti dal Myanmar, che rappresentano il 90 per cento dei richiedenti asilo in Malesia. Alcune ONG possono però inoltrare richieste di asilo sulla base di una serie di ulteriori criteri di vulnerabilità. Nel 2017, abbiamo effettuato 439 segnalazioni di questo tipo, il 31% del totale ricevuto dall’agenzia a livello nazionale.

  • 2004 anno del nostro primo intervento nel Paese
  • 4,9 mila consultazioni effettuate
  • 439 richieste di asilo inoltrate

Attività di MSF in

Lavoriamo in Malesia dal 2004 e nel 2017 i nostri progetti si sono concentrati sull'assistenza sanitaria per le comunità di rifugiati e sopravvissuti alla tratta di esseri umani.

  • Migrazione

    La fuga di milioni di persone da guerre e povertà è una delle crisi umanitarie più gravi del momento: sono più di 65 milioni i rifugiati e gli sfollati nel mondo.

    Scopri di più
  • Promozione alla salute

    Le attività di promozione della salute mirano a migliorare la salute e incoraggiare l’uso efficace dei servizi sanitari. La promozione della salute è un processo a doppio senso: comprendere la cultura e le pratiche di una comunità è importante quanto fornire informazioni.

    Scopri di più
  • Tubercolosi

    La Tubercolosi è una delle principali cause di mortalità per malattie infettive a livello globale. Un terzo della popolazione mondiale ospita il bacillo della tubercolosi (Tb) allo stato di latenza.

    Scopri di più

Condividi con un amico