L’accesso alle cure mediche rimane molto limitato nel nord del Mali a causa della mancanza di personale medico e di forniture, e gli scontri tra gruppi armati continuano nonostante un accordo di pace.

Nella città di Ansongo, nella regione di Gao, Medici Senza Frontiere supporta l’ospedale da 48 posti letto, fornendo visite ambulatoriali, assistenza ospedaliera e di emergenza, chirurgia, assistenza sanitaria materna, trattamento delle malattie croniche, nutrizione e servizi di laboratorio. L’équipe offre anche assistenza di salute mentale alle vittime della violenza e tratta le vittime di violenza sessuale di genere. Un’altra équipe supporta il centro sanitario distrettuale.

Nelle zone rurali del distretto di Ansongo, MSF organizza i trasferimenti dalla comunità ai centri sanitari e all’ospedale. Da luglio a dicembre 2016, quando la comunità nomade migrava con il bestiame lontano dai centri sanitari, MSF ha assicurato l’accesso all’assistenza sanitaria di base attraverso la formazione e il tutoraggio degli operatori sanitari della comunità per la diagnosi e il trattamento delle malattie più comuni. Inoltre, oltre 57.145 bambini sono stati sottoposti a terapia antimalarica e alle vaccinazioni di routine durante il picco stagionale.

Nella regione di Kidal, a nord di Gao, MSF ha sostenuto due centri sanitari nella città di Kidal e altri tre nella periferia. In collaborazione con le autorità locali, l’équipe ha inoltre implementato per la prima volta nella regione la chemioprofilassi antimalarica stagionale (SMC), rivolta a circa 16.048 bambini di età compresa tra i tre mesi e i cinque anni.

A Timbuktu, quando il personale medico che era fuggito dalla città durante i disordini ha cominciato a ritornare verso la fine del 2016, MSF ha avviato il trasferimento progressivo di tutte le sue attività nell’ospedale di riferimento regionale al Ministero della Salute. MSF lavorava nell’ospedale dal 2012.

Nel distretto di Koutiala, nel Mali meridionale, MSF continua a gestire un programma pediatrico completo, volto a ridurre la morbilità e la mortalità dei bambini al di sotto dei cinque anni di età. Nel 2016, 7.032 bambini sono stati ricoverati nel reparto pediatrico e 3.829 nel reparto nutrizionale dell’ospedale regionale di riferimento sostenuto da MSF. Le équipe hanno inoltre sostenuto l’attività pediatrica e nutrizionale di cinque centri sanitari del distretto, svolgendo 90.203 visite ambulatoriali e trattando 3.779 bambini per malnutrizione. In queste cinque zone sanitarie viene attuato un pacchetto preventivo di interventi sanitari rivolto a tutti i bambini di età inferiore a due anni, tra cui visite di controllo routinarie, distribuzione di zanzariere e integratori a base di latte e vaccinazioni. Quest’anno, 7.723 bambini hanno usufruito del pacchetto.

Durante il 2016, MSF ha iniziato a trasferire le sue attività di chemioprofilassi a Koutiala al Ministero della Salute. In media, 171.000 bambini hanno ricevuto farmaci antimalarici in ciascun ciclo.

  • 1992 anno del primo intervento di MSF nel Paese
  • 1.2 mila interventi chirurgici effettuati
  • 171 mila bambini hanno ricevuto farmaci antimalarici

Le nostre principali attività in Mali

  • Malaria

    La malaria è causata da protozoi parassiti trasmessi all’uomo da zanzare ad attività crepuscolare-notturna del genere Anopheles. I sintomi includono febbre, dolore alle articolazioni, mal di testa, vomito, convulsioni e coma.

    Scopri di più
  • Vaccinazioni

    L’immunizzazione è uno degli interventi medici più convenienti nella sanità pubblica. Tuttavia, si stima che 1,5 milioni di persone muoiano ogni anno a causa di malattie prevenibili con una serie di vaccini raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da MSF, soprattutto ai bambini.

    Scopri di più

Condividi con un amico