Coronavirus: servono aiuti urgenti per proteggere personale medico

  • Epidemia
  • Italia
Coronavirus: servono aiuti urgenti per proteggere personale medico
  • Epidemia
  • Italia

Mentre il numero di persone contagiate dal Covid-19 aumenta rapidamente in molti paesi dell’Europa, attuale centro dell’epidemia, lanciamo un appello a tutti gli Stati membri perché dimostrino solidarietà al di là dei propri confini nazionali.

Forniture mediche essenziali, inclusi dispositivi di protezione individuale a partire dalle mascherine per proteggere gli operatori sanitari, devono essere inviate con urgenza dove sono più criticamente necessarie.

Personale medico esposto al virus

In Italia, dove stiamo supportando quattro ospedali nel lodigiano, la carenza di dispositivi di protezione nonostante tutti gli sforzi delle autorità sanitarie è allarmante e lascia il personale medico in prima linea pericolosamente esposto al virus.

La mancanza di questi dispositivi alimenterà l’epidemia e ostacolerà la capacità di salvare vite. Secondo gli ultimi dati dell’Istituto Superiore di Sanità, circa 1.700 operatori sanitari in Italia, pari all’8% dei casi totali di coronavirus nel paese, sono stati contagiati mentre assistevano giorno e notte il crescente numero di pazienti gravi, che richiedono degenze lunghe e cure specialistiche in terapia intensiva.

Anche in ospedali europei di altissimo livello vediamo medici e infermieri sopraffatti, che accolgono fino a 80 ambulanze al giorno, mentre la drammatica carenza di dispositivi di protezione – per cui alcuni indossano la stessa mascherina per 12 ore – li pone ad alto rischio di contrarre il virus. Ogni giorno riceviamo nuove richieste di aiuto, per avere più medici e più forniture. Se non arrivano al più presto i dispositivi protettivi necessari, sempre più operatori sanitari si ammaleranno, riducendo la capacità di assistere i pazienti, creando nuovi focolai epidemici e indebolendo pericolosamente la lotta contro l’epidemia”. Claudia Lodesani Infettivologa e Presidente MSF Italia

In questo momento di crisi, nessun paese può farcela da solo, nessuno può produrre tutte le forniture di cui ha bisogno. Tutti gli Stati membri europei devono al più presto rendere operativi i meccanismi di solidarietà predisposti dall’Unione Europea e condividere le risorse necessarie per combattere la pandemia nelle aree in cui oggi è più violenta.

Serve collaborazione europea

Oggi è l’Italia ad avere urgente bisogno di materiali medici per proteggere gli operatori sanitari, ma fra poche settimane toccherà ad altri paesi. Oltre ad aumentare la produzione, i governi europei devono poi garantire che le forniture possano essere spedite agevolmente nelle aree focolaio dell’epidemia. La minaccia di chiudere le frontiere rischia di ostacolare il flusso di risorse e personale medico verso le aree più colpite”. Brice de le Vingne Coordinatore della task force MSF per Covid-19.

Per prevenire e ritardare ulteriori contagi ed evitare il collasso dei propri sistemi sanitari, i governi europei stanno prendendo drastiche misure di salute pubblica, come isolamento e distanza sociale, che si basano fortemente sulla collaborazione delle persone.

Chiediamo che la stessa collaborazione venga promossa tra gli Stati per evitare che accumulino le forniture al proprio interno. Gli operatori sanitari rappresentano la nostra prima linea collettiva contro il virus e per proteggerli devono essere garantiti aiuti al di là di ogni frontiera.

Questo virus non si ferma di fronte alle frontiere e anche la solidarietà deve poterle superare. Il coronavirus continua a diffondersi e tutti i paesi affronteranno la stessa sfida a meno che l’epidemia non venga contenuta fin da subito con un forte impegno comune”. Stella Egidi Referente medico MSF

Le misure per contrastare l’epidemia

Oltre a supportare gli ospedali e la cura individuale dei pazienti, è fondamentale rafforzare tutte le misure standard che hanno dimostrato efficacia nel controllo di altre epidemie.

Tra queste:

  • l’azione proattiva per individuare e tracciare i contatti
  • i test diagnostici
  • l’isolamento dei pazienti e dei contatti ad alto rischio
  • la mobilitazione della popolazione per fermare il contagio
  • un rigido sistema di triage dei pazienti lievi e critici negli ospedali.

A livello individuale, tutti devono seguire strettamente le misure di igiene e distanza sociale, per aiutare a frenare l’epidemia, evitare il sovraffollamento degli ospedali e proteggere l’accesso alle cure mediche per chi ne ha bisogno.

Serve tutto questo per controllare l’epidemia e ridurre al minimo la perdita di vite umane, sia tra i pazienti di Covid-19 sia tra tutti gli altri malati e feriti che hanno bisogno di cure mediche salvavita.

 

Condividi con un amico