Covid-19 in Bangladesh: stigma e cure interrotte

  • Epidemia
  • Bangladesh
Covid-19 in Bangladesh: stigma e cure interrotte
  • Epidemia
  • Bangladesh

In Bangladesh, il numero di casi COVID-19 sono considerevolmente aumentati da marzo, oltre 160 mila. La pandemia sta avendo un effetto catastrofico su tutti gli aspetti della vita delle persone, dall’aumento della disoccupazione all’accesso all’assistenza sanitaria di base.

Cure interrotte

Tutto questo è molto evidente nel reparto pediatrico di Goyalmara, all’interno del nostro ospedale materno-infantile nel distretto di Cox’s Bazar. Qui incontriamo Noor Haba, una giovane madre bangladese, con sua figlia di sette anni Shahara, semi-cosciente sul letto d’ospedale.

Shahara è in cura per talassemia, una malattia genetica del sangue. Le sue gambe e le sue braccia sono sottili; la pancia è dilatata dalla milza gonfia causata dalle sue condizioni mediche, aggravate dalla malnutrizione. La talassemia provoca una riduzione dei livelli di emoglobina e può essere fatale se non trattata con trasfusioni di sangue regolari.

Sharaha è la seconda dei cinque figli di Noor Haba a soffrire di talassemia e Noor Haba deve portarli entrambi in ospedale ogni due mesi per trasfusioni di sangue. Poiché non esiste una banca del sangue, lei si affida alle persone che vengono volontariamente in ospedale per donare il sangue – di solito una questione semplice. Ma a causa della pandemia stanno aspettando un donatore di sangue da tre giorni.

Stiamo cercando dappertutto. Normalmente possiamo facilmente trovare qualcuno che doni sangue. Ma questa volta non riesco a trovare donatori a causa del COVID-19. Nessuno vuole venire in ospedale” Noor Haba

Molte persone evitano di andare in una struttura medica perché hanno paura del contagio, inoltre le misure di blocco della circolazione hanno complicato gli spostamenti. I prezzi per il trasporto pubblico sono triplicati.

Il marito di Noor Haba ha perso il lavoro e ha dovuto fare un prestito di 300 taka [2 euro] per pagare l’autobus che, in 90 minuti di viaggio, permette a sua moglie e alle sue figlie di arrivare in ospedale

È così difficile. Non ho soldi per tornare a casa. Abbiamo cinque figli e non so cosa daremo loro da mangiare. ” Noor Haba

Inoltre, molte strutture sanitarie, comprese quelle gestite da MSF, hanno dovuto prendere l’ardua decisione di ridurre o chiudere i servizi, di fronte alla carenza di personale e alla mancanza di forniture mediche essenziali e di dispositivi di protezione come le mascherine.

Nel distretto di Cox’s Bazar e a Dacca, abbiamo dovuto ridurre i servizi medici per concentrarci solo sulle attività di primo soccorso. Il reparto ambulatoriale dell’ospedale di Goyalmara è attualmente chiuso.

Il grave problema è che le persone inizieranno a morire non per COVID-19, ma per altre malattie – malattie normali che potremmo trattare”. Ferdyoli Porcel Pediatra MSF

Lo Stigma

Molti persone malate di COVID-19 affrontano la duplice sfida di combattere il virus mentre fanno fronte alle conseguenze sociali della diagnosi positiva.

A Mohammad, un padre rohingya che vive in uno dei tanti campi profughi nel distretto di Cox’s Bazar, è stato diagnosticato il COVID-19 e portato all’ospedale da campo di MSF presso Kutupalong, dove è stato isolato e ha ricevuto cure.

Mohammad bangladesh

Anche se secondo le linee guida sanitarie mondiali i contatti stretti di un paziente COVID-19 possono mettersi in quarantena in sicurezza a casa, la famiglia di Mohammad è stata messa sotto pressione dalla comunità perché lasciasse la propria abitazione e si mettesse in quarantena in un altro posto.

Ci dicevano che avrebbero bruciato la nostra casa se la mia famiglia non fosse andata in quarantena da un’altra parte. È stata una vergogna per la mia famiglia. Si sono sentiti estremamente spaventati” Mohammad

Come vediamo nei focolai di malattie infettive in tutto il mondo, dall’Ebola alla difterite, la fiducia è fondamentale nella risposta sanitaria per fermare l’epidemia. Le persone devono sapere che qualsiasi trattamento medico riceveranno sarà rispettoso e umano e che saranno al sicuro, insieme alle loro famiglie, nel chiedere assistenza medica.

I pazienti COVID-19 positivi hanno riferito ai nostri team di famiglie che venivano portate in centri per la quarantena contro la loro volontà, di essere minacciati di sfratto dalle loro case e di essere vittime di linguaggi aggressivi e minacciosi. Tutto questo può scoraggiare le persone che presentano i sintomi a rivolgersi ai centri sanitari, fare il test o ricevere trattamenti, aggravando ulteriormente la diffusione del virus.

Speranze per il futuro

Eppure, in mezzo alla pandemia, la vita continua. Le madri danno alla luce figli e le famiglie fanno progetti per il loro futuro. Noi continuiamo a gestire servizi di salute materno-infantile in tutte le nostre strutture in Bangladesh, supportando donne e bambini che hanno bisogno di cure. Tuttavia, la pandemia di COVID-19 ha avuto conseguenze anche su questi servizi.

Pediatria bangladesh

Syeda, neomamma, è stata recentemente ricoverata nel reparto di isolamento dell’ospedale di Goyalmara. Dopo aver avuto un collasso durante il travaglio, è stata portata di corsa in una clinica per un taglio cesareo d’emergenza. Poco dopo, sia a lei che al neonato è stato diagnosticato il COVID-19. Entrambi sono stati indirizzati al nostro ospedale Goyalmara, dove ora stanno ricevendo le cure necessarie.

“Questo è il mio primo figlio. Ma in questo momento non riesco a pensare al nostro futuro. Una volta che il bambino starà bene, allora potrò pensarci. Gli stanno dando l’ ossigeno, le sue condizioni si stanno stabilizzando”. Syeda

A diverse miglia di distanza nella nostra clinica a Jamtoli, Shokutara, un’altra neomamma, rifugiata rohingya, siede accanto al figlio nato qualche ore prima.

Sono preoccupata per il COVID-19. Le persone ci dicono di mantenere il distanziamento sociale ma ciò non è possibile perché viviamo vicini. Malgrado questo, continuiamo a fare del nostro meglio. ” Shokutara

Nonostante tutto Shokutara mantiene ancora speranze per il futuro.

In Myanmar abbiamo affrontato così tante difficoltà e abbiamo avuto paura. Ci hanno torturato. Qui ora sono felice. Voglio che mio figlio e mia figlia vengano entrambi istruiti in modo che possano avere un buon futuro.” Shokutara

 

Condividi con un amico