L industria farmaceutica deve smettere di bloccare l accesso ai farmaci in Sudafrica

  • Accesso ai farmaci
  • Sudafrica

Medici Senza Frontiere (MSF) e Oxfam hanno inviato delle lettere alle sedi delle 39 società farmaceutiche del processo nelle quali chiedevano di abbandonare immediatamente e incondizionatamente la loro causa legale contro la legge Sud Africana approvata per migliorare l'accesso ai farmaci. Per più di tre anni, l'industria farmaceutica ha bloccato l'applicazione di una legge (Medicines and Related Substances Control Amendment Act, Act 90 of 1997 – legge per l'emendamento sul controllo delle medicine e sostanze relative, legge 90 del 1997) che il governo Sud Africano aveva approvato per rendere i farmaci più accessibili ai pazienti. Il 5 marzo, si aprirà il processo davanti all'Alta Corte di Pretoria.

"Questo processo è il simbolo dell'ipocrisia dell'industria farmaceutica," ha dichiarato Justin Forsyth, direttore delle politiche di Oxfam. "Parlano di voler migliorare l'accesso ai farmaci, ma solo alle loro condizioni. Quando il governo del Sud Africa ha cercato d'applicare la legge per migliorare effettivamente questo accesso, l'industria farmaceutica l'ha immediatamente bloccata. Il messaggio delle compagnie farmaceutiche nei confronti degli altri paesi in via di sviluppo raggela: giocate secondo le nostre regole o ne subirete le conseguenze."

Il governo del Sud Africa ha ereditato dal regime dell'apartheid un sistema di prezzi medici molto elevati e sta ora cercando di gestire l'enorme impegno che rappresenta l'assistenza a oltre quattro milioni di persone affette da HIV – più di qualsiasi altro paese del mondo. Sta affrontando questa sfida permettendo al Ministero della Sanità di meglio reagire alle crisi sanitarie utilizzando delle misure come l'importazione parallela, la licenza obbligatoria e la sostituzione con i generici.

Tali misure sono legali per i regolamenti sui diritti della proprietà intellettuale dell'Organizzazione mondiale del Commercio (TRIPS) e sono ampiamente usate in Europa e negli Stati Uniti.

"Ogni giorno, decine di persone affette da HIV/AIDS vengono alla nostra clinica in un quartiere degradato alla periferia di Città del Capo in cerca di farmaci accessibili, ma il prezzo elevato dei medicinali ci permette di curare solo un numero limitato di persone," dichiara il Dottor Eric Goemaere di MSF-Sud Africa. "I malati di HIV/AIDS in Sud Africa muoiono perché, come conseguenza della protezione dei brevetti, i prezzi dei medicinali sono troppo alti. Trovo ripugnante che l'industria farmaceutica ignori questo fatto e cerchi invece di bloccare gli sforzi del governo per migliorare l'accesso ai farmaci."

Chiediamo inoltre ai governi dei paesi sviluppati di denunciare questi tentativi di ostacolare lo sforzo fatto dal Sud Africa per rendere i farmaci accessibili ai suoi cittadini. In particolare, chiediamo alla Commissione europea e al governo degli Stati Uniti di presentare delle dichiarazioni di sostegno al diritto del Sud Africa di usare delle misure, legali secondo l'OMC, per migliorare l'accesso ai farmaci.

 

Lascia un Commento

Condividi con un amico