Tubercolosi: Johnson&Johnson riduce il prezzo della bedaquilina

  • Accesso ai farmaci Tubercolosi
Tubercolosi: Johnson&Johnson riduce il prezzo della bedaquilina
  • Accesso ai farmaci Tubercolosi

La società farmaceutica Johnson & Johnson ha annunciato oggi la riduzione del prezzo della bedaquilina, uno dei principali strumenti terapeutici contro la Tubercolosi resistente ai farmaci (DR-TB), a 1,50 dollari al giorno.

Si tratta di un passo importante che dovrebbe consentire a un numero molto più vasto di persone di accedere a questo trattamento salvavita. Chiediamo che il prezzo sia ridotto ulteriormente e sia applicato a un maggior numero di paesi.  

Abbiamo svolto un’intensa pressione su J&J per la riduzione del prezzo della bedaquilina sin dalla sua immissione sul mercato nel 2012, e l’anno scorso abbiamo lanciato una mobilitazione globale, insieme a società civile, attivisti ed ex pazienti sopravvissuti alla TB, chiedendo a J&J di ridurre di oltre la metà il prezzo del farmaco in alcuni paesi a basso e medio reddito, portandolo a 1 dollaro al giorno. 

120.707 persone in tutto il mondo hanno firmato la petizione “Drop the price/Abbassa il prezzo”, di cui oltre 41.700 in Italia grazie alla campagna “Non chiediamo mica la luna” che chiede che l’accesso alle cure non sia fantascienza ma un diritto universale, per la TB come per altri farmaci salvavita, compreso il futuro vaccino contro il Covid-19. 

Abbiamo manifestato fuori dalla sede centrale di J&J e dei suoi uffici in tutto il mondo, insieme a chi è sopravvissuto alla Tubercolosi multiresistente e al suo trattamento così faticoso, spingendo la società a ridurre il prezzo di questo farmaco salvavita. Mentre aspettiamo con ansia che diventino disponibili versioni generiche più economiche della bedaquilina, esortiamo i governi a garantire che i pazienti con DR-TB abbiano accesso al miglior trattamento possibile. La prossima sfida è quella del Covid-19. In una pandemia come quella in corso, la concessione di brevetti non dovrebbe essere possibile, perché l’accesso ai farmaci è un diritto di tutti e lo è ancora di più in un’emergenza di salute pubblica mondiale”.   Silvia Mancini Esperta di salute pubblica di MSF

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda la bedaquilina, farmaco assunto per via orale, come strumento fondamentale della cura contro la TB resistente ai farmaci, in sostituzione dei precedenti farmaci più tossici, che necessitano di iniezioni quotidiane e possono causare pesanti effetti collaterali come la sordità.

Alla luce della pandemia di Covid-19, l’OMS ha inoltre consigliato di trattare le persone con DR-TB a domicilio utilizzando trattamenti orali che includono la bedaquilina, invece di iniezioni che obbligano i pazienti a recarsi nelle strutture sanitarie, con maggiore esposizione al rischio di contrarre anche il Covid-19. 

Il vecchio trattamento contro la TB resistente ai farmaci usato finora da molti paesi aveva una durata più lunga, richiedeva ad ogni paziente di assumere fino a 14.000 pillole nel corso di quasi due anni e di sopportare fino a otto mesi di dolorose iniezioni giornaliere. 

Mentre il mondo è sconvolto dalla pandemia di Covid-19, l’accesso alla bedaquilina è una necessità urgente per le persone con TB resistente ai farmaci. I vecchi farmaci non solo sono dolorosi perché devono essere iniettati e possono causare gravi effetti collaterali, ma obbligano le persone a recarsi quotidianamente in strutture sanitarie, aumentando il rischio di contrarre il Covid-19. Con il prezzo ridotto, i governi devono urgentemente estendere l’uso della bedaquilina come strumento fondamentale di tutte le cure per via orale contro la TB. Non dobbiamo perdere altro tempo per porre fine alla sofferenza dei pazienti DR-TB”.  Dr. Pilar Ustero Esperta di TB per la Campagna per l’Accesso ai Farmaci

Il prezzo imposto da J&J per la bedaquilina è rimasto un notevole ostacolo perché i paesi potessero estendere l’uso di questo trattamento salvavita, soprattutto perché è solo uno dei molteplici farmaci richiestper la cura contro la DR-TB.

Considerando i notevoli finanziamenti pubblici ricevuti da J&J per la ricerca e lo sviluppo di questo farmaco dagli Stati Uniti e da altri paesi, abbiamo chiesto alla società farmaceutica di abbassare il prezzo per aumentarne l’accessibilità. Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Liverpool ha dimostrato che la bedaquilina potrebbe essere prodotta e venduta con profitto a soli 0,25 dollari al giorno. 

J&J non ha sviluppato questo farmaco da sola. La bedaquilina è stata sviluppata con un considerevole sostegno economico da parte dei contribuenti e di organizzazioni non-profit e filantropiche. J&J ha ricevuto investimenti pubblici di centinaia di milioni di dollari, tra cui sovvenzioni dal governo degli Stati Uniti e vari incentivi finanziari, mentre fornitori del trattamento, come MSF, hanno contribuito alla ricerca sul farmaco. J&J non dovrebbe applicare prezzi elevati per questo farmaco in nessuna parte del mondo”.  Sharonann Lynch Esperta delle politiche per HIV e TB della Campagna per l’Accesso ai Farmaci

Il prezzo ora ridotto è inferiore del 32% rispetto al precedente prezzo più basso, disponibile per un elenco di paesi determinato da J&J e legato agli impegni di acquisto assunti attraverso il Global Drug Facility (GDF), un’organizzazione gestita dalla Stop TB Partnership che fornisce farmaci per la TB ai paesi a basso e medio reddito. 

I paesi che non acquistano dal GDF non hanno diritto al prezzo più basso e continuano a pagare i costi elevati applicati da J&J, o dal suo partner commerciale russo Pharmstandard in alcuni paesi della Comunità degli Stati indipendenti (CSI).

Ad esempio, la Federazione Russa paga oltre 8 dollari al giorno per la bedaquilina, un prezzo significativamente più alto di quello ridotto 1,50 ora disponibile ai paesi che possono accedervi.  

Abbiamo invitato J&J a ridurre ulteriormente la cifra e a concedere il prezzo più basso a tutti i paesi con un elevato tasso di DR-TB, in modo da poter salvare più vite.

J&J è attualmente l’unico produttore di bedaquilina e ha brevettato il farmaco nella maggior parte dei paesi, controllando il prezzo a cui viene venduto.

Il monopolio di J&J impedisce ad altri produttori in India e altrove di produrre e fornire versioni generiche più convenienti. Mentre il brevetto della società sul composto base di bedaquilina scade nel 2023, J&J ha depositato un “brevetto evergreen”, estendendo così il monopolio sul farmaco fino al 2027 in molti paesi colpiti dalla TB.

I produttori generici affermano di essere in grado di realizzare versioni più convenienti a partire dal 2021, ma che il brevetto di J&J impedisce loro di entrare nel mercato. Abbiamo invitato J&J a non prolungare il proprio monopolio attraverso estensioni di brevetti che ritarderebbero ulteriormente la disponibilità di versioni generiche del farmaco. 

Condividi con un amico