Promuovere un ambiente di lavoro libero da molestie, sfruttamento e abusi

Condanniamo fermamente ogni forma di abuso e stiamo rafforzando i nostri meccanismi di denuncia e di monitoraggio per individuare comportamenti che collidono con i nostri principi e garantire che tutti i casi vengano denunciati e puniti, perché il settore umanitario sia trasparente e libero da questi inaccettabili atti.

MSF promuove inoltre un ambiente di lavoro libero da molestie e abusi. La nostra leadership è inequivocabilmente impegnata a combattere qualsiasi tipo di abuso e a rafforzare meccanismi e procedure per prevenirli e affrontarli. Tutto lo staff è tenuto a rispettare il Codice di comportamento di MSF e i nostri principi guida, come stipulato nella Carta dei Principi.

All’inizio del 2018, MSF ha pubblicato una comunicazione sulle azioni intraprese per combattere ogni forma di abuso e molestie, le difficoltà che abbiamo affrontato, e il numero di casi registrati nel 2017. Un anno dopo, abbiamo predisposto questo breve aggiornamento sui passi avanti che abbiamo fatto, che comprendono i dati per il 2018, con l’auspicio che serva a mantenere un’attenzione costruttiva su un’istanza così importante.

Una delle difficoltà principali identificate in passato è la sottostima dei dati e la necessità di fare di più per garantire che il nostro staff e i nostri pazienti conoscano e abbiano fiducia nei nostri meccanismi di reclamo. Le figure del 2018 mostrano un aumento delle segnalazioni di comportamenti inaccettabili rispetto al 2017, ma siamo sicuri che questo quadro è ancora notevolmente sottostimato, probabilmente per una combinazione di difficoltà sia nel garantire l’esaustività dei reclami, sia nella raccolta dei dati.

L’anno scorso abbiamo elencato una serie di misure in corso per migliorare l’individuazione e la prevenzione di comportamenti inaccettabili. Tra queste, training, workshop, visite nei progetti sul campo e la produzione e distribuzione di volantini e materiali informativi audio-visivi. Nel 2018 le attività sono continuate in tutti questi ambiti. Abbiamo allocato più personale nei team di MSF dedicati al comportamento responsabile, sviluppato nuovi strumenti per migliorare la conoscenza, la prevenzione e l’individuazione di comportamenti inaccettabili, migliorato i meccanismi di raccolta e condivisione dei dati all’interno del movimento MSF. È importante riconoscere che anche il maggior interesse pubblico su questo problema ha probabilmente contribuito ad aumentare consapevolezza e segnalazioni.

Nel 2018, MSF aveva oltre 43.000 operatori impegnati sul campo (i dati che seguono riguardano reclami che arrivano dai nostri progetti e non includono gli ulteriori 4.000 dipendenti di MSF che lavorano negli uffici centrali). Il 2018 ha visto un significativo aumento nel numero dei reclami rispetto a tutte le diverse tipologie di abuso, per un totale di 356 segnalazioni, dalle 182 emerse nel 2017.

Sul totale dei reclami ricevuti, 134 sono stati confermati come casi di abuso di vario genere o comportamenti inappropriati (erano 83 nel 2017). 78 di quei casi (61 nel 2017) sono stati qualificati come forma di abuso, da abuso di potere, pressione psicologica, discriminazione, violenza fisica, fino a molestie, abusi e sfruttamento di natura sessuale. Un totale di 52 membri dello staff sono stati licenziati per queste diverse forme di abuso (erano 58 nel 2017).

Nello specifico, di questi 78 casi di abuso, 59 sono stati confermati attraverso accertamenti interni come casi di molestie, abusi o sfruttamento di natura sessuale (32 nel 2017). 36 membri dello staff sono stati licenziati a seguito di questi casi (20 nel 2017).

Ci sono anche stati 56 casi di comportamenti inappropriati, dai 22 del 2017 (comportamenti inappropriati comprendono: cattiva gestione delle persone, relazioni inappropriate, comportamenti non in linea con gli standard sociali o che compromettono la coesione del team, l’utilizzo di sostanze come droghe o alcool).

In tutti i 134 casi confermati, le persone coinvolte sono state sanzionate in modo proporzionato alla gravità del loro comportamento.

È importante sottolineare ancora una volta che tutto questo non rappresenta ancora il quadro completo che vorremmo avere: abbiamo migliorato la raccolta dati rispetto all’anno scorso, ma abbiamo ancora molto da fare per affrontare sia il problema in sé che la difficoltà di garantire la completezza delle segnalazioni. Tuttavia, auspichiamo che questi dati siano la conferma che la maggiore attenzione data al problema abbia incoraggiato più persone a farsi avanti. Continuiamo a esortare staff, pazienti o chiunque entri in contatto con MSF a segnalare qualunque problema relativo a comportamenti inaccettabili dovessero testimoniare.

Nota sulla variazione dei dati

Grazie al miglioramento della raccolta e compilazione dei dati, MSF ha aggiornato i propri numeri relativi al 2017. Per questo è stato riscontrato che il numero complessivo dei reclami del 2017 è leggermente più alto di quanto stimato in precedenza: 182 invece di 146. Anche il numero di casi confermati è leggermente aumentato. Le comparazioni sopra menzionate considerano i numeri 2017 aggiornati, ma per trasparenza e utilità, i numeri originari sono ancora disponibili nella nostra comunicazione dell’anno scorso. Alcuni casi relativi al 2018 sono ancora in fase di accertamento e non sono ancora stati codificati, per questo anche questi numeri potrebbero subire leggere variazioni.

Condividi con un amico