Promuovere un ambiente di lavoro libero da molestie, sfruttamento e abusi

MSF promuove inoltre un ambiente di lavoro libero da molestie e abusi. La nostra leadership è inequivocabilmente impegnata a combattere qualsiasi tipo di abuso e a rafforzare meccanismi e procedure per prevenirli e affrontarli.

Tutto lo staff è tenuto a rispettare il Codice di comportamento di MSF e i nostri principi guida, come stipulato nella Carta dei Principi.

L’integrità della nostra organizzazione si basa sulla buona condotta di ogni singolo membro dello staff, in qualsiasi luogo, nel pieno rispetto delle comunità che assistiamo. Per noi questo significa non tollerare alcun comportamento del nostro personale che sfrutti la vulnerabilità degli altri o dei colleghi.  

Condanniamo fermamente ogni forma di abuso e continuiamo a rafforzare i nostri meccanismi di denuncia e di monitoraggio per individuare comportamenti che collidono con i nostri principi e garantire che tutti i casi vengano denunciati e puniti, perché il settore umanitario sia trasparente e libero da questi inaccettabili atti. 

MSF ha messo in atto procedure, inclusi meccanismi di reclamo, per incoraggiare la prevenzione, l’individuazione, la segnalazione e la gestione di tutti i tipi di comportamento scorretto, molestie e abusi. Attraverso questi meccanismi, tutti i membri del personale sono incoraggiati a segnalare comportamenti o abusi inappropriati attraverso la loro linea di gestione o attraverso canali di segnalazione specifici al di fuori di qualsiasi linea gerarchica, utilizzando indirizzi di posta elettronica dedicati. Anche le vittime o i testimoni nelle comunità in cui MSF lavora sono incoraggiati a segnalarci comportamenti scorretti in modo che le accuse possano essere adeguatamente affrontate. 

MSF svolge anche ampie attività di sensibilizzazione per informare tutto il personale dei meccanismi a loro disposizione per denunciare gli abusi. Inoltre, tutti i materiali, digitali e cartacei, relativi al comportamento e alla gestione degli abusi vengono regolarmente aggiornati e migliorati. 

Gestire i casi di comportamento scorretto in modo confidenziale

MSF mira a garantire che queste situazioni siano affrontate con la massima riservatezza, per creare un ambiente in cui le persone sentano di poter presentare reclami in modo sicuro, senza temere per la loro sicurezza, il loro lavoro o la loro riservatezza. 

La nostra prima priorità quando viene segnalato un comportamento scorretto è la sicurezza e la salute delle potenziali vittime. Viene prestata immediata attenzione a fornire supporto, che può includere cure mediche, assistenza psicologica e legale. 

MSF rispetta sempre la decisione della vittima di rivolgersi o meno alla giustizia. In caso di abusi sessuali contro minori, la politica di MSF è di denunciare il caso alle autorità giudiziarie in base all’interesse superiore del minore e alla effettiva disponibilità di tali procedimenti. 

Report 2020

Il numero complessivo di segnalazioni ricevute nel 2020 mostra un aumento del 22% rispetto al 2019.

Questo incremento può essere visto come il segnale che MSF sta affrontando il problema di lunga data della mancata segnalazione di comportamenti scorretti. Indica che le persone che segnalano e testimoniano si sentono sempre più sicure di poter parlare e che sta crescendo la conoscenza dei vari meccanismi e canali di segnalazione che sono stati potenziati e messi in atto.   

Tuttavia, malgrado questi progressi, le segnalazioni continuano a essere sottostimate. In particolare preoccupa il numero limitato (anche se in aumento) di segnalazioni da parte dei pazienti, di chi se ne prende cura e dei membri delle comunità. Questo indica il bisogno di concentrarsi sulla prevenzione e sviluppare meccanismi di segnalazione comunitari adeguati a questi gruppi.  

La pandemia di Covid-19 ha causato una riduzione delle attività in presenza volte a prevenire i comportamenti inaccettabili: non sorprende che il numero di visite sul campo nel 2020 sia diminuito, così come il numero di partecipanti agli eventi di sensibilizzazione. Tuttavia, sono stati compiuti sforzi considerevoli per svolgere formazioni online e il numero di membri dello staff che sono stati formati per affrontare i problemi di condotta è aumentato rispetto al 2019. 

Nel 2020, MSF ha contato oltre 63.000 membri dello staff a livello globale. Abbiamo ricevuto un totale di 444 segnalazioni, 389 dallo staff sul campo, 55 dalle sedi centrali. I dettagli forniti di seguito indicano separatamente le segnalazioni dal campo e quelle dagli uffici, perché non sono necessariamente paragonabili a livello di terminologia e processi di segnalazione.  

Segnalazioni dai progetti sul campo  

  • Il 90% dello staff di MSF (57.429 individui in totale) nel 2020 ha lavorato sul campo. Da qui sono arrivate in totale 389 segnalazioni, contro le 318 del 2019.  
  • Di queste segnalazioni, dopo i dovuti accertamenti, 154 sono state confermate come situazioni di abuso o di comportamento inappropriato (156 nel 2019). (Quindici segnalazioni del 2020 erano ancora aperte al momento della compilazione dei dati).  
  • Di questi 154 casi, 82 sono stati qualificati come abusi, rispetto ai 106 casi confermati del 2019 (sono comprese diverse forme di abuso: abusi, molestie e sfruttamento di natura sessuale, abuso di potere, molestie psicologiche, discriminazione, violenza fisica). 37 membri del personale sono stati licenziati per una forma di abuso nel 2020 (55 nel 2019). A seconda della gravità del caso, sono state comminate altre sanzioni come sospensione, demansionamento o richiami formali scritti.  
  • Degli 82 casi di abusi confermati, 55 erano casi di molestie, abusi o sfruttamento di natura sessuale (63 nel 2019). 28 persone sono state licenziate a seguito di questi episodi nel 2020 (40 nel 2019). 
  • Gli altri casi confermati di abuso sono stati molestie psicologiche (14 casi confermati), abusi di potere (8 casi confermati), violenza fisica (3 casi confermati) e discriminazione (2 casi confermati).  
  • Si sono inoltre verificati 68 casi confermati di comportamenti inappropriati, in aumento rispetto ai 50 casi del 2019 (per comportamento inappropriato si intende: cattiva gestione delle risorse umane, relazioni inadeguate, comportamento inappropriato che non rispetta le norme sociali o intacca la coesione della squadra, l’uso di sostanze). 

Abbiamo continuato a registrare un lieve ma incoraggiante aumento delle segnalazioni da parte dei gruppi precedentemente sottorappresentati, anche se c’è ancora molto lavoro da fare: 

  • Il numero totale di segnalazioni pervenute dallo staff locale è aumentato a 172 nel 2020 (144 nel 2019). Sebbene questo possa essere considerato un piccolo successo nel miglioramento della consapevolezza e fiducia nei meccanismi di segnalazione, c’è ancora molto da fare, dato che il personale assunto localmente rappresenta l’80% della forza lavoro di MSF. 
  • Il numero totale di segnalazioni effettuate dai pazienti, caregiver, membri delle comunità e soggetti esterni ha registrato un lieve aumento, con 23 segnalazioni nel 2020 (20 del 2019). Considerando che MSF fornisce moltissime visite mediche ogni anno in tutti i suoi progetti, ed entra in contatto in molti altri modi con le comunità che assiste, molto probabilmente i numeri sono notevolmente sottostimati. I meccanismi di segnalazione esistenti devono essere ulteriormente adattati e migliorati per raggiungere meglio i pazienti e le comunità nei luoghi dei progetti, a maggior ragione viste le condizioni di estrema vulnerabilità di molte delle persone che MSF assiste. 

Segnalazioni dagli uffici in tutto il mondo   

Il 2020 è il primo anno in cui MSF ha raccolto segnalazioni anche negli uffici in tutto il mondo, oltre a quelli dei progetti sul campo. Come notato negli anni precedenti, questa mancanza ha portato a un gap significativo nei nostri dati, anche se solo il 10% del personale globale di MSF è basato negli uffici.

Per questo motivo, non ci sono dati per confrontare i dati con gli anni passati. È inoltre importante notare che, sebbene siano stati compiuti sforzi per standardizzare, questi dati si riferiscono a un ampio numero di diversi procedimenti legali e di risorse umane, che non possono ancora essere del tutto uniformati.  

  • Nel 2020, su 37 uffici delle sedi centrali (entità non operative sul campo), al cui interno lavorano 5.596 persone (il 10% del personale MSF) sono stati segnalati 55 casi, attraverso le linee di management o tramite specifici meccanismi di segnalazione.  
  • Di questi, dopo i dovuti accertamenti, 38 sono stati confermati come abusi di varia natura (20) o comportamenti inappropriati (18).  
  • A seguito di questi casi, 20 persone sono state licenziate o hanno ricevuto altre sanzioni, come avvisi formali, a seconda della gravità del fatto. 

Raggiungere e mantenere un ambiente di lavoro libero da abusi e molestie è uno sforzo continuo, di cui siamo tutti responsabili. Ci impegniamo anche a non danneggiare le persone vulnerabili che stiamo cercando di aiutare.  

Continuiamo a sollecitare il personale, i pazienti o chiunque entri in contatto con MSF a segnalare eventuali situazioni di comportamento scorretto che dovessero riscontrare. 

Scarica gli allegati

Condividi con un amico